Giovedì, 20 Settembre 2018
CATANIA

Faida per leadership
clan, nove fermi
dei carabinieri

faida, mafia, Sicilia, Archivio

Una faida esplosa all'interno di una cosca per la sua leadership dopo l'arresto del capomafia è stata interrotta da un'operazione dei carabinieri del comando provinciale di Catania che hanno fermato nove persone. I provvedimenti, emessi dalla Dda della Procura etena, sono stati eseguiti da oltre un centinaio di militari dell'Arma anche nelle province di Siracusa, Agrigento e Cremona. I reati ipotizzati, a vario titolo, sono associazione mafiosa, tentato omicidio, detenzione e porto abusivo di armi. Le indagini dei carabinieri hanno evidenziato una spaccatura creatasi nell'ambito di un'organizzazione mafiosa vicina a Cosa nostra operante nei territori di Vizzini (Catania) e Francofonte (Siracusa) dopo l'arresto del boss, Michele D'Avola. La frangia del gruppo rimasta a lui fedele l'8 agosto scorso ha tentato di uccidere Salvatore Navanteri, che cercava la scalata ai vertici della cosca, e che stava per attuare una 'ritorsione'. Prima del possibile avvio di una sanguinosa faida mafiosa la Procura di Catania ha emesso i fermi per bloccarla. Particolari sulll'operazione saranno resi noti ai giornalisti in un incontro che si terrà alle 11 nella saletta stampa della Procura di Catania.(ANSA).

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook