Lunedì, 21 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
PATERNÒ

Caporalato nel Catanese
"schiavi per pochi euro"

Si è innestata su un'indagine per una rapina l'inchiesta sullo sfruttamento di braccianti romeni, compresi minorenni e donne, della Procura di Catania che ha portato all'arresto di sette persone da parte dei carabinieri. Due indagati, destinatari di un provvedimento di custodia cautelare emesso dal Gip, sono attualmente irreperibili. Attratti dalla possibilità di potere avere un lavoro, i braccianti erano 'ingaggiati' in Romania. Ma arrivati nelle campagne di Paternò il sogno diventava un incubo: vivevano sotto capannoni senza acqua corrente ed energia elettrica, costretti a lavorare per oltre 12 ore al giorno per 50 euro, ai quali venivano detratti 25-30 euro per le spese di vitto e alloggio. Nessuna possibilità di ribellarsi, altrimenti niente più lavoro col rischio di essere aggrediti. Dei 41 casi scoperti dai carabinieri della compagnia di Paternò e del comando provinciale di Catania alcuni hanno collaborato e fatto mettere a verbale: "siamo costretti a subire tali azioni criminali ed abitare in situazioni igienicamente pessime e quindi vivere come gli animali: viviamo come gli schiavi per qualche spicciolo". Il procuratore Giovanni Salvi e il sostituto Alessandra Tasciotti hanno contestato agli indagati l'associazione per delinquere finalizzata all'estorsione. E il procuratore annuncia "il potenziamento del settore per la tutela del lavoro e dell'ambiente" del suo ufficio. I carabinieri, su disposizione del Gip, hanno arrestato gli imprenditori agricoli per conto dei quali i braccianti lavoravano: Rosario Di Perna, di 59 anni, e suo figlio Calogero, di 29. In carcere anche il loro presunto 'reclutatore', il romeno Nicu Rata, di 32 anni. Sarebbe lui il 'caporale' che gestiva la 'manodopera'. In un'intercettazione telefonica replica a chi gli contesta l'assenza dai campi: "io mandare operai... a te che interessa, che devo lavorare io per forza?". E all'interlocutore che gli chiede: "Ah.. tu fai il padrone?", risponde: "certo". Altre quattro persone sono state sottoposte agli arresti domiciliari: Nelu Radu, di 41 anni, Loredana Radu, di 36, Tetyana Mrozek, di 56, e Ilie Dima, di 45. Il comandante provinciale dei carabinieri di Catania, il colonnello Alessandro Casarsa, sottolinea che dalle indagini è emerso "lo sfruttamento di persone che hanno bisogno di lavorare, di portare a casa la spesa, entrando in competizione con chi chiede il rispetto del contratto di lavoro". E margine dell'inchiesta si potrebbe aprire un altro filone: alcune giovani donne romene invece che nella raccolta in campagna sarebbero state avviate alla prostituzione.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook