Martedì, 18 Settembre 2018
MARSALA

Il carabiniere ucciso sorprese i criminali

carabiniere ucciso, silvio mirarchi, Sicilia, Calabria, Archivio
Il carabiniere ucciso sorprese i criminali

Dai primi approfondimenti investigativi seguiti all'omicidio, avvenuto il 31 maggio a Marsala, del maresciallo dei carabinieri Silvio Mirarchi (catanzarese), è emerso che il militare e un suo collega, notando la presenza di più persone che al buio si comportavano in maniera sospetta, si sono avvicinati e giunti a circa 60 metri da loro hanno acceso le torce e si sono qualificati come carabinieri. Da qui la repentina reazione che ha portato al ferimento di Mirarchi con un'arma da fuoco e poi alla morte del carabiniere. Secondo i dati raccolti, un gruppo di criminali stava portando via le piante di marijuana da alcune serre di contrada Ventrischi e, vistisi scoperti, non hanno esitato a reagire sparando.
Intanto, stamane alle 11 si terranno i funerali di Mirarchi nella Chiesa Madre intitolata San Tommaso di Canterbury, alla presenza del comandante generale dell'Arma dei carabinieri, il generale di corpo d'armata Tullio Del Sette.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook