Giovedì, 20 Settembre 2018
CATANIA

Traffico armi per l'Africa, due arresti

armi, carabinieri, catania, Sicilia, Archivio
Carabinieri

Avrebbero comprato oltre 160 armi da guerra disattivate su un sito slovacco, pagandole 45mila euro, con l'intenzione, una volta arrivate in Italia, di ritornare a renderle efficienti. E' l'accusa mossa dalla Procura distrettuale di Catania a Carmelo Piacenti, 51 anni, esponente della cosca dei 'Ceusi' (gelsi), legata a Cosa nostra, e alla sua convivente Simona Puccia, di 41 anni. La donna è stata arrestata da carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale, mentre all'uomo, già detenuto, è stato notificato in carcere il provvedimento cautelare emesso dal Gip che ipotizza il reato di traffico internazionale di armi. Durante le indagini dei militari dell'Arma sono stati sequestrate tre mitragliette e quattro pistole. Gli investigatori non escludono che le armi fossero destinate a organizzazioni paramilitari o terroristiche del Nord Africa visti anche i contatti, citati dai carabinieri, di Piacenti con egiziani inseriti in gruppi dediti alla tratta di migranti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X