Martedì, 25 Settembre 2018
PALERMO

Legale di Riina: l'Italia sotto ricatto da 80 anni

cosa nostra, mafia, palermo, totò riina, Sicilia, Archivio
Legale di Riina: l'Italia sotto ricatto da 80 anni

Udienza sospesa per qualche minuto al processo sulla trattativa Stato-mafia per un battibecco tra accusa e difesa. La corte ha avuto da ridire su alcune domande poste al colonnello Massimo Giraudo dall'avvocato Francesco Romito, che difende il capitano Giuseppe De Donno, che - a dire dei giudici - sarebbero invece domande dell'avvocato Basilio Milio che difende i generali Mario Mori e Antonio Subranni. In questo frangente, si è inserito l'avvocato Luca Cianferoni difensore di Totò Riina, che ha scatenato una serie di battute con la Procura. "E' stato consentito - ha detto Cianferoni - l'accesso di materiale 'fluviale' per il quale questo processo finirà nei libri di storia, forse solo quelli della scuola elementare e media, per le vicende legate all'eversione. Questo è un Paese sotto ricatto da 80 anni". Pronta la replica della Procura e in particolare del pm Nino Di Matteo che ha chiesto: "Sotto ricatto di chi?". Sibillina la risposta di Cianferoni: "Guardate oltreoceano e lasciate in pace il mio cliente che è su una barella". "Non partecipa al processo e si sente ricattato...", ha risposto Di Matteo. Poi la corte ha preferito prendere qualche minuto di pausa.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X