Giovedì, 20 Settembre 2018
GELA

Bimbe uccise, ordine
di arresto per la madre

gela, sorelline uccise, Sicilia, Archivio
Bimbe uccise a Gela Arrestata la madre

I carabinieri del reparto territoriale di Gela hanno notificato l’ordine di arresto per duplice omicidio volontario, aggravato dalla
discendenza, emesso dal procuratore capo, Fernando Asaro, nei confronti di Giuseppa Savatta, la madre 41enne che ha ucciso
ieri le sue due bambine, di 9 e 7 anni, avvelenandole con la candeggina e soffocandole con le mani. La donna è ricoverata
ancora in ospedale dopo un tentativo di suicidio. I carabinieri continuano a piantonarla nel suo letto della divisione di psichiatria del «Vittorio Emanuele» di Gela, dove i medici l’hanno accolta ancora in preda a turbe suicida, sottoponendola a terapia sedativa. L’ipotesi dello psichiatra è che sia un soggetto dalla personalità bipolare: donna e madre modello nella società e nel lavoro, violenta e possessiva, fino all’omicidio, nel privato.

Sarà il medico legale Cataldo Raffino, dell’istituto di medicina legale di Catania, a eseguire oggi, alle 15, l’autopsia sui corpi di Maria Sofia e di Gaia, le due sorelline di 9 e 7 anni uccise, ieri, dalla madre, Giuseppa Savatta, di 41 anni, nella propria abitazione di Gela. Il medico dovrà stabilire in particolare se le bambine sono decedute per avvelenamento (essendo state costrette dalla madre a bere candeggina) o per soffocamento, considerato che sulla gola delle piccine sono stati riscontrati segni di un’energica pressione, quasi uno strangolamento. La donna avrebbe poi tentato il suicidio, ingerendo della
candeggina e tentando di impiccarsi col tubo flessibile della doccia, dove il marito, Vincenzo Trainito, di 48 anni,
ingegnere, docente presso l’istituto per geometri «Ettore Maiorana», l’ha trovata al suo rientro a casa, riuscendo poi a
bloccarla mentre si dirigeva verso il balcone col proposito di buttarsi giù.

«Fatemi morire». Sono le prime parole che Giuseppa Savatta, la madre che ieri a Gela ha ucciso le figlie di 9 e 7 anni, ha detto ai medici in ospedale dove è stata ricoverata dopo aver cercato di suicidarsi. «L'ho fatto per il bene delle mie figlie, per non farle soffrire», ha spiegato allo psichiatra. Era certa che il marito l'avrebbe lasciata, a conclusione di un rapporto di coppia assai difficile. Ma l’uomo, Vincenzo Trainito, pur ammettendo l'esistenza di dissidi familiari, avrebbe detto che una rottura
netta con la moglie non era nelle sue intenzioni, anche se più volte minacciata nei momenti d’ira. I vicini li avrebbero sentiti litigare spesso. Lei, laureata in lettere, aveva ricevuto un incarico annuale come insegnante di sostegno all’istituto comprensivo Ettore Romagnoli. Lui, ingegnere edile con studio in piazza Umberto, insegna all’istituto tecnico per geometri «Ettore Maiorana».

Intanto le indagini proseguono per accertare se davvero Giuseppa Savatta, insegnante di sostegno precaria, possa avere agito in stato confusionale per il timore che il marito l'abbandonasse o se invece il duplice delitto sia conseguenza di una patologia mentale mai dichiarata, come sospettano alcuni vicini, colpiti da certi suoi comportamenti definiti «strani».  Il marito, avrebbe ammesso davanti agli inquirenti che con la moglie i rapporti erano molto tesi e che qualche volta aveva anche minacciato di lasciarla ma era un proposito che non intendeva attuare. Giuseppa Savatta, invece, l’ha ritenuto imminente e avrebbe ucciso le figlie, come detto ai medici dell’ospedale di Gela dove si trova ricoverata, «per non farle soffrire» dopo la separazione. Oggi bandiere a mezz'asta al municipio in segno di lutto. (AA)

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook