Lunedì, 24 Settembre 2018
ADRANO

Delitto passionale nel Catanese, arresto

adrano, delitto passionale, Sicilia, Archivio
Delitto passionale nel Catanese, arresto

Un delitto passionale: la vittima aveva avuto una relazione con il mandante. E' il movente che emerge dalle indagini dell'assassinio di Maurizio Maccarrone, 43, ucciso il 14 novembre 2014 davanti casa sua, ad Adrano, nel Catanese, con 5 colpi di pistola calibro, compreso uno sparato alla nuca. La polizia di Stato, dopo avere arrestato, il 2 dicembre 2016, Antonio Magro e Massimo Merlo accusati, rispettivamente di essere il mandante e l'esecutore materiale del delitto, ha eseguito un'ordinanza in carcere per Massimo Di Maria, 39 anni, ritenuto il secondo componente del commando.
Sarebbe stato lui alla guida dello scooter con cui Merlo sarebbe arrivato e fuggito dal luogo dell'agguato. Le indagini della squadra mobile e del commissariato di Adrano, coordinate dalla Procura di Catania e si sono avvalse anche delle dichiarazioni di un pentito e di intercettazioni. Tra gli elementi contro Di Maria anche la sua bassa statura, la stessa del guidatore dello scooter del killer in fuga ripreso da una telecamera.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X