Mercoledì, 19 Settembre 2018
ISPICA

Tentano di rubare cavi di rame, arrestati

Arrestati due giovani di Rosolini, Arrestati romeni, furto cavi di rame, Furto limoni, ispica, Sicilia, Archivio
Tentano di rubare cavi di rame, arrestati

Ispica - Sono quattro le persone arrestate, per furto e tentato furto, dai Carabinieri al termine di due diversi servizi: due sono state sorprese a rubare in un terreno agricolo privato; le altre due tentavano di asportare i cavi di rame dai tombini dell’illuminazione pubblica sulla fascia costiera.

Il primo servizio è scattato dopo una telefonata alla sala operativa, che segnalava la presenza di persone estranee all'interno di un appezzamento di terreno. Giunti sul posto, i militari hanno sorpreso due giovani di Rosolini, M.C., 24 anni, incensurato, e M.A., 21 anni, già noto alle forze dell’ordine. E' stato appurato che i due, dopo aver forzato la recinzione del terreno agricolo, avevano riempito diversi sacchi con circa 400 chili di limoni asportati dalla proprietà e li avevano poi caricati sulla loro autovettura, pronti a dileguarsi. L’intervento dell’Arma è stato provvidenziale per sventare il furto.

I due giovani sono stati condotti in caserma e arrestati per furto aggravato. Successivamente, su disposizione della Procura di Ragusa sono stati rimessi in libertà. Saranno giudicati a piede libero. La merce asportata è stata riconsegnata al legittimo proprietario.

Il secondo servizio, invece, si è sviluppato a Marina di Marza, lungo la fascia costiera, proprio nella zona dove, nelle scorse settimane, si sono verificati alcuni furti di rame. I Carabinieri hanno sorpreso N.I., 34 anni, e M.G.S., 18, entrambi di origine romena ed incensurati, mentre stavano tentando di asportare diversi metri di cavi di rame contenuti nei tombini dell’illuminazione pubblica.

I militari li hanno notato in lontananza, mentre erano impegnati in un servizio nella zona marinara. Entrambi stavano armeggiando nei pressi di un pozzetto contenente i cavi dell’illuminazione pubblica. A questo punto, i Carabinieri sono intervenuti e li hanno sorpresi mentre stavano tentando di asportare il rame contenuto nei cavi elettrici dopo aver forzato il tombino. I due stranieri sono stati perquisiti e trovati in possesso di diversi arnesi da scasso e di alcuni sacchi di juta pronti per essere riempiti con i cavi di rame.

Dal sopralluogo successivo, è emerso che i due avevano già forzato alcuni pozzetti, avevano già tranciato dei cavi elettrici ed erano pronti per asportarli. I due romeni sono stati condotti in caserma e arrestati per tentato furto aggravato. Su disposizione della Procura di Ragusa sono stati sottoposti agli arresti domiciliari.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook