Mercoledì, 26 Settembre 2018
METEO

Nube di sabbia sahariana su Calabria e Sicilia

nube di sabbia sahariana, Sicilia, Calabria, Archivio
Nube di sabbia sahariana su Calabria e Sicilia

Il sito di 3bMeteo consiglia di non lavare le automobili per i prossimi due giorni,  "soprattutto per chi abita sulle regioni centro-meridionali italiane".

"Dall'entroterra algerino - spiega Lorenzo Badellino - si sta sollevando un'imponente nube di sabbia sahariana richiamata verso nordest e diretta anche verso l'Italia. Tutto a causa di una depressione in quota situata sul Nord Africa e di un'altra in approfondimento nelle prossime sul Mar Ligure. Nelle prossime ore avverrà l'aggancio tra le due figure depressionarie e questa azione favorirà l'estensione verso NE del flusso sud-occidentale proveniente dal deserto sahariano; la diretta conseguenza sarà la propagazione del pulviscolo a gran parte delle regioni centro-meridionali italiane, con il picco che si concentrerà tra Sicilia e Calabria. Laddove non pioverà, la polvere sahariana influenzerà la colorazione del cielo, che in molti casi apparirà giallognolo e fosco, soprattutto sulle aree dove si avranno le concentrazioni più elevate.
Città come Palermo, Catania, Trapani, Cagliari, Napoli, Reggio Calabria, Brindisi, Bari e anche Roma, potranno osservare uno di questi due fenomeni, oppure anche entrambi".

La polvere dal deserto del più grande del mondo, che comprende circa 8,6 milioni di kmq, puoò essere trasportata per migliaia di chilometri dalle correnti atmosferiche. Grandi concentrazioni di polvere possono essere trovati nell'Atlantico tropicale e nei Caraibi. La polvere originata dalle frequenti tempeste di sabbia sahariane contiene molte sostanze nutrienti, tra cui azoto, fosforo e ferro, che agiscono come un fertilizzante e stimolare le fioriture massicce di plankton, come si può vedere nelle immagini ripresa da Envisat e pubblicate sul sito Internet dell'Esa.

Nelle immagini le fioriture plankton sono visibili nell'Atlantico come turbinii blu e verde, con tonalita' che variano verso il marrone in base ai sedimenti in acqua.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X