Mercoledì, 26 Settembre 2018
NEL RAVENNATE

Imprenditore alberghiero
del Ragusano arrestato

albergo, arrestato, bancarotta, imprenditore, ragusa, Sicilia, Archivio
Imprenditore alberghiero del Ragusano arrestato

Arrestato per bancarotta fraudolenta il rappresentante legale della società che gestisce il Mediterraneo Palace di Ragusa, l'albergo storico del comune capoluogo. Sandro Gasperini, 54 anni, è stato arrestato a Bagnacavallo, nel Ravennate. Le indagini, eseguite dalla Guardia di finanza di Ragusa e coordinate dal procuratore Carmelo Petralia, hanno permesso di evidenziare, in un arco di tempo che va dal 2011 al 2016, una rilevante distrazione di utilità e beni societari per oltre 2,3 milioni di euro, frodando creditori della società sottoposta alla procedura di concordato preventivo. La frode avveniva, secondo gli inquirenti, attraverso una serie di artifizi contabili e fittizie cessioni di quote, con contestuali e immotivate svalutazioni di partecipazioni societarie, continui cambi di sede, falsificazione dei libri e delle scritture contabili per ritardare gli effetti del fallimento, ormai inevitabile. Le somme distratte sono state utilizzate per l&rsquoacquisto di due terreni edificabili in provincia di Ravenna, fittiziamente ceduti a un'altra società coinvolta nell'affaire ed avente sede a Roma, ma sempre amministrata da Gasperini. Il gip di Ragusa ha sequestrato preventivamente i due terreni. Denunciate altre cinque persone ritenuti responsabili in concorso con l'arrestato dei reati di bancarotta fraudolenta, riciclaggio e false comunicazioni sociali, alcuni dei quali già̀ con precedenti specifici e arrestati nel luglio 2016 dalla Guardia di finanza di Ravenna, nell'ambito di un'indagine che aveva portato al sequestro di un altro complesso alberghiero del Ravennate. (AA)

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X