Sabato, 22 Settembre 2018
MAFIA

Massoneria: 193 soggetti con procedimenti penali

'ndrangheta, mafia, massoneria, Sicilia, Archivio
Massoneria: 193 soggetti con procedimenti penali

Sono 193 i soggetti indicati dalla DnAA (Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo) come iscritti in procedimenti penali ed è consistente il numero di soggetti che, pur non indagati, imputati o condannati per delitti di natura mafiosa, hanno collegamenti diretti con esponenti della mafia e possono costituire un anello di collegamento tra mafia e massoneria. Lo scrive la presidente della commissione antimafia, Rosy Bindi, nella relazione finale sulla massoneria presentata oggi.

"C'erano persone importanti che determinavano gestione di potere come pubblici funzionari, avvocati, notai, magistrati (..) la massoneria aveva (..) importanza nella città di Palermo in termini di potere economico, politico, decisionale, quindi aveva senso che io stessi anche all'interno di questa organizzazione". E' quanto dichiara il collaboratore di giustizia, Francesco Campanella, originario di Villabate, in provincia di Palermo, e riportato nella relazione conclusiva su "mafia e massoneria" presentata da Rosy Bindi. Campanella "sin da giovane si era dedicato alla politica, alla massoneria - si legge nella relazione -, aderendo alla loggia palermitana del GOI "Triquetra", ma anche alla mafia, ponendosi al servizio del noto capomafia Nicola Mandala il quale, per un certo periodo, curò la latitanza di Bernardo Provenzano. La contemporanea adesione, quasi contestuale temporalmente (fine anni '90), alle due diverse associazioni, non era osteggiata nè dall'una nè dell'altra parte. Mandala, infatti - si legge nella relazione dell'Antimafia -, aveva ritenuto che potesse essere "una cosa interessante e che ... sarebbe potuta tornare utile in qualche maniera". Utilità, in effetti, giunte all'occorrenza. Attraverso i fratelli a lui più vicini, infatti, aveva acquisto informazioni utili dai Monopoli di Stato per la gestione delle sale Bingo (facente capo all'associazione mafiosa) nel momento più delicato in cui era intervenuto l'arresto di Mandala, e si temeva che tali esercizi potessero essere sequestrati". Le sue dichiarazioni confermano - conclude l'Antimafia -, innanzitutto che l'appartenenza alla massoneria crea un vincolo esclusivo e permanente, che, come avviene in Cosa nostra, si dissolve solo con la morte".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X