Mercoledì, 19 Settembre 2018
PALERMO

Il richiamo della Corte dei Conti

corte dei conti, sicilia, Sicilia, Archivio
Il richiamo della Corte dei Conti

«Il livello di corruzione nella pubblica amministrazione in Sicilia è tale e quale in tutta Italia. Le fattispecie che a noi arrivano sono la punta dell’ iceberg. Quando arrivano da noi è già tutto accaduto. Condanniamo e cerchiamo di recuperare ma è molto difficile. Questa è la situazione». Lo afferma, parlando a margine dell’ inaugurazione dell’anno giudiziario 2018, il presidente della sezione giurisdizionale della Corte dei Conti per la Regione siciliana Luciana Savagnone. Ed è un atto d’accusa nei confronti della politica. «Le fattispecie sono sempre le stesse – ha aggiunto – ci occupiamo di porre rimedio sul danno erariale, se ci danno gli strumenti, abbiamo un sacco di paletti, di difficoltà, a cominciare dalla prescrizione che è di soli 5 anni». Quindi un monito: «La politica e la pubblica amministrazione imparino ad amministrare e gestire se stesse, curando il rispetto delle norme e delle regole che governano la loro attività, anticipando, se possibile, gli interventi da parte della magistratura, così da riacquistare anche credibilità nei confronti dei cittadini».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook