Venerdì, 21 Settembre 2018
CATANIA

Sigenco spa, sequestrati beni per 3 milioni

bancarotta fraudolenta, catania, sequestro, sigenco, Sicilia, Archivio
procura repubblica catania

Cinque immobili per un valore complessivo di 3 milioni di euro sono stati sequestrati dalla guardia di finanza di Catania nell'ambito di indagini per bancarotta fraudolenta della Sigenco sistemi generali Spa, dell'imprenditore deceduto Santo Campione. Sono beni che fanno riferimento a Raffaele Partescano, di 46 anni, che, secondo la Procura di Catania, in qualità di amministratore della Fortuna srl, società costituita nel 2004 dai figli di Campione, avrebbe distratto 2 milioni di euro versati dalla Sigenco senza una valida giustificazione economica.

Indagata anche la vedova dell'imprenditore, Rosaria Arena, 66 anni, perché, scrive la Procura etnea, in concorso con il consorte, sarebbe stata la beneficiaria di un trasferimento di oltre 3 milioni di euro per la vendita di un terreno, ritenuta dalla Gdf completamente svantaggiosa per la Sigenco. La società edile con appalti in tutta Italia era stata dichiarata fallita nel 2013 con un passivo di 80 milioni di euro.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X