Lunedì, 24 Settembre 2018
CALTANISSETTA

"Ha compilato da solo la schedina da 135 milioni"

di
superenalotto, Sicilia, Archivio
"Ha compilato da solo la schedina da 135 milioni"

Grande euforia e folla di clienti, anche ieri, nella ricevitoria di via Brancati a Caltanissetta dove martedì mattina intorno alle 11 è stata giocata la “sestina” risultata poi vincente nell’estrazione serale, e che si è aggiudicata il jackpot da oltre 130 milioni di euro.

Tra una diretta televisiva ed un’intervista registrata, i coniugi Sunseri - che gestiscono la “rivendita della fortuna”, come è stata denominata l’edicola-ricevitoria - hanno provato a soddisfare la curiosità dei numerosi giornalisti e delle tante persone che si sono portate nel loro esercizio.

«Per tutta la notte non sono riuscita a prendere sonno – ha confidato la titolare Sabrina Savarino –. L’idea che in questa ricevitoria ci sia stato un multimilionario non mi ha fatto dormire per la gioia. Spero seriamente di poterlo conoscere e rivolgergli una sorta di appello personale: che ci dia un piccolo compenso e non si dimentichi di noi...».

Nel frattempo, ieri mattina sono state effettuate le opportune verifiche, anche tramite l’ispettore Sisal di zona, ed è emerso che il fortunato scommettitore ha “investito” una somma maggiore dei 2 euro (per due semplici colonne, come aveva riferito martedì nell’immediatezza della notizia della vincita Fabrizio Sunseri). Infatti l’anonimo giocatore ha speso 21 euro con una sorta di “sistema”, compilando due pannelli della schedina “Superstar”, in ciascuno dei quali ha annerito 7 dei 90 numeri a disposizione.

Ovviamente ne sono stati estratti sei che hanno “sbancato” l’intera posta in palio. Un fatto certamente eccezionale.

«Si tratta di una schedina compilata direttamente dal nostro cliente – aggiunge Sunseri – e da noi convalidata. Non faceva parte, dunque, di quelle preparate da noi e che mettiamo a disposizione degli scommettitori».

Quanto alle procedure per passare all’incasso del montepremi, le regole della Sisal sono ovviamente ben precise. Per riscuotere i premi superiori a 52 mila euro - ed è il caso nisseno - bisogna inoltrare o portare, entro 90 giorni dalla pubblicazione del Bollettino ufficiale (che esce il giorno seguente a quello del concorso), il tagliando vincente - «integro ed originale» - in uno degli Uffici premi Sisal di Milano o Roma. Dunque il vincitore ha tempo fino al 16 luglio per presentare la ricevuta e sollecitare il denaro.

Il pagamento della vincita è fatto, per importi superiori a un milione di euro, dopo 31 giorni dalla scadenza del termine previsto per presentare eventuali reclami.

Insomma, il super fortunato potrà trascorrere l’estate in una spiaggia dorata. Ma intanto dovrà anche sforzarsi per elaborare una strategia in grado di allontanare i sospetti: mantenere lo stesso tenore di vita, le stesse abitudini, invidiare il fortunato vincitore. Poi dovrà pensare a come raggiungere Roma o Milano con il tesoro in tasca. E non solo. Dovrà fare attenzione a trasferire i soldi in un’altra banca rispetto a quella di fiducia, giusto per non scoprirsi. Infine avrà il pensiero di come spassarsela. Sempre senza dare troppo nell’occhio. Che fatica...

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X