Domenica, 21 Ottobre 2018
GELA

Droga: caffè ed eroina in bar a Gela, sgominata banda

Antonino Santonocito, Crocifisso Di Gennaro, Giuseppe Agatino Barbagallo, Sicilia, Archivio
carabinieri

Nel "Bar Cruis" di via Palazzi, a Gela, si poteva ordinare, secondo i magistrati, un caffè ma anche dosi di eroina. Il locale, gestito da prestanome, era per l'accusa in realtà "covo" di proprietà di Crocifisso Di Gennaro, di 37 anni, accusato di essere il capo della banda di 9 trafficanti sgominata oggi dai carabinieri del reparto territoriale di Gela. Braccio destro del boss e coordinatore di un manipolo di pusher minorenni, secondo gli investigatori, era un altro gelese, Vincenzo Cannizzo, 40 anni, arrestato a Mestre (venezia). La droga, soprattutto cocaina, arrivava da Catania, tramite, assicurano i pm, i pregiudicati etnei Antonino Santonocito, di 64anni, e Giuseppe Agatino Barbagallo, 22 di anni, mentre da Ragusa era un albanese, Almarin Tushja, di 28 anni, a fornire gli stupefacenti.
L'organizzazione gestiva un giro d'affari di 40 mila euro al mese. Per tutti, compresi due minorenni, è stata disposta la reclusione in carcere. Obbligo di presentazione agli uffici di polizia invece per Rosario Marchese, di 32 anni, marito della donna che gestisce il "Bar Cruis", da cui prende il nome l'operazione antidroga, e collocamento in comunità per un terzo minorenne. Sono state 19 le perquisizioni eseguite da un centinaio di carabinieri nel corso dell'operazione della notte scorsa in cinque regioni d'Italia. L'accusa, a vario titolo, è di associazione a delinquere finalizzata al traffico illecito di stupefacenti, cessione, trasporto e detenzione di stupefacenti e intestazione fittizia di beni, in concorso.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X