Venerdì, 21 Settembre 2018
INFRASTRUTTURE

Siracusa-Gela, ripartono i cantieri

di
cantieri, rosolini-modica, Sicilia, Archivio
Siracusa-Gela, ripartono i cantieri

La rescissione del contratto ipotizzata dall’assessore regionale Marco Falcone fa riaprire i cantieri dell’autostrada Siracusa Gela, nel tratto da Rosolini fino a Modica.

Nonostante non sia ancora arrivata l’autorizzazione del Tribunale di Roma all’accordo siglato, tra la mandataria Condotte d’Acqua Spa (70 per cento dell’Ati Cosige) che doveva recedere per una totale assegnazione dell’appalto alla Cosedil spa, il deputato regionale di Forza Italia, Rossana Cannata, ha reso noto che stamane i lavori riprenderanno.

Dopo oltre un anno torneranno gli operai nei cantieri ormai abbandonati. Si troveranno davanti una situazione difficile: un’infrastruttura lasciata a metà e molti dei lavori dovranno comunque essere rifatti.

«Cosedil Spa riprenderà i lavori sulla Siracusa-Gela, pur in assenza dell’autorizzazione da parte del tribunale ordinario di Roma sezione fallimentare e dell’autorizzazione del Consorzio autostrade siciliane» spiega Rossana Cannata. «L’11 giugno scorso era stato firmato l’accordo privato tra la Società italiana per Condotte d’Acqua Spa e la Cosedil Spa secondo cui, previa autorizzazione del Tribunale ordinario di Roma sezione fallimentare, Cosedil avrebbe proceduto alla realizzazione del lotto unico funzionale 6+7 e 8 Ispica Viadotti Scardina e Salvia – Modica, per poco più di 19 chilometri. Sebbene l’autorizzazione da parte del Tribunale non sia ancora arrivata – conclude la parlamentare regionale – la Cosedil darà il via al cantiere per completare i lavori su questa importantissima infrastruttura siciliana».

Si tratta di un segnale che Cosedil lancia al Consorzio autostrade siciliane e all’assessore Falcone che - come suggerisce la stessa parlamentare siracusana - potrà essere importante «nelle more del rilascio dei successivi provvedimenti, valutando la bontà dell’intervento di ripresa dei lavori di un’opera importante, per i benefici che porterà al territorio coinvolto».

Attualmente sono presenti nei cantieri una trentina di operai da parte di Cosige, ai quali da oggi si aggiungeranno i primi operai di Cosedil. All’incirca si ipotizza un centinaio in totale impegnati nella ripresa dei lavori.

Nei mesi scorsi il sindacato aveva organizzato anche una manifestazione di protesta, anche perché le  ditte impegnate nei subappalti non sono state pagate. 

«Sono soddisfatto per i tempi rapidi in cui l'impresa sta riaprendo il cantiere – afferma il parlamentare all'Ars, l'autonomista, Pippo Gennuso –. Adesso ci sono le condizioni per portare a termine l'importante opera infrastrutturale che riporta sviluppo e occupazione nel sud est della Sicilia. Voglio soltanto sperare che la burocrazia non metta ostacoli all'opera, pagando impresa e fornitori dei materiali. Ma su questo sarò attento e vigile».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X