Martedì, 25 Settembre 2018
CATANIA

Corte dei Conti delibera dissesto Comune

catania, dissesto, salvo pogliese, Sicilia, Archivio
Corte dei Conti delibera dissesto Comune

La sezione Controllo della Corte dei Conti di Palermo, nell'adunanza del 4 maggio scorso, ha deliberato il dissesto finanziario del Comune di Catania. L'atto è stato notificato stamattina all'Ente. Lo ha reso noto il sindaco Salvo Pogliese incontrando i giornalisti in Municipio.
Secondo i giudici contabili il 'buco' sarebbe di circa 1,6 miliardi di euro e non ci sarebbe la sostenibilità finanziaria per gestirlo. Il Comune, entro i 20 giorni previsti per legge, presenterà ricorso. 

"La Corte dei conti - ha detto il sindaco Pogliese parlando con i giornalisti - ha formalizzato la decisione, presa nell'adunanza dello scorso 4 maggio, ravvisando le condizioni per la dichiarazione di dissesto del Comune di Catania. Cercheremo di fare tutto, anche l'impossibile, per evitare il dissesto. Leggeremo con attenzione le 70 pagine del provvedimento e valuteremo cosa fare. Ma è opportuno essere prudenti".
"A noi - ha sottolineato Pogliese - non interessa addossare oggi responsabilità, ma ci troviamo davanti a pesanti debiti non riscossi. Pensiamo, ad esempio, che la Tari è pagata riscossa al 50%. Versare i tributi è un dovere e credo che sia importante che i cittadini percepiscano la gravità delle condizioni del nostro Comune ".
L'assessore al Bilancio, il vice sindaco Roberto Bonaccorsi, ha spiegato che "Catania è una città molto indebitata, quasi come Torino, ma - ha osservato - il capoluogo piemontese ha creato debiti per realizzare opere pubbliche, da noi sono stati contratti per la spesa corrente".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X