Giovedì, 19 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Terremoto nella notte a Catania, paura e gente in strada: magnitudo 4.8
NELLA ZONA DELL'ETNA

Terremoto nella notte a Catania, paura e gente in strada: magnitudo 4.8

terremoto catania, Sicilia, Cronaca
Foto Ciack Telesud

Terremoto a Catania. La notte di migliaia di persone è stata interrotta da una forte scossa di terremoto  che si è verificata alle 2.34 a due chilometri da Santa Santa Maria di Licodia. Il sisma ha avuto magnitudo  4.8 ed è stato avvertito da gran parte della costa ionica della Sicilia, anche perché il sisma è avvenuto ad una distanza relativamente ridotta rispetto alla superficie: nove chilometri.

La scossa ha provocato il crollo di cornicioni, nella chiesa di Santa Maria di Licodia e a Palazzo Ardizzone, ex sede del municipio, e di antiche case rurali ma non, secondo i primi accertamenti dei vigili del fuoco, danni strutturali.

Adrano e Biancavilla i paesi maggiormente interessati, dove si registrano dei crolli di cornicioni. I cittadini dei tre comuni sono usciti dalle loro abitazioni e sono scesi in strada e la Protezione civile locale ha già provveduto a transennare alcune zone.

Il sisma è stato avvertito a Catania e in tutta la provincia, otre che a Siracusa, Enna e Messina. Alcune persone sono rimaste ferite in modo non grave e sono state portate nell'ospedale di Biancavilla, altre sono state ricoverate in stato di choc. Verifiche sono in corso da parte di carabinieri e vigili del fuoco.

Sono diverse decine le persone medicate per contusioni in vari ospedali del Catanese in seguito alla scossa. Per la maggior parte le ferite, lievi, sono state provocate da cadute. Molti anche i casi di attacco di panico e di persone sotto choc. Tutte i medicati sono stati dimessi.

La prima scossa, la più forte, è stata seguita da un'altra 25 minuti più tardi. Alle 2.59, infatti, i sismografi dell'Ingv hanno registrato un movimento di magnitudo 2.5 avvenuto a Biancavilla ad un solo chilometro di profondità.

Ma un paio di scosse, della stessa entità, erano state rilevate nella zona dell'Etna anche poco prima, fra le 2.14 e le.26 a Bronte, poco più a nord rispetto a dove è avvenuta la scossa più importante. In questo caso le apparecchiature dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia parlano di una magnitudo rispettivamente di 2.2 e 2.0.

Altre 8 scosse sono state registrate fino alle ore 16.00, dopo il terremoto di questa notte: degli altri 8 eventi sismici rilevati, solo 2 hanno superato magnitudo 2.0: quello di magnitudo 2.5 delle ore 2 e 29 italiane e quello di magnitudo 2.3 delle ore 12 e 21.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook