Mercoledì, 20 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
CLAN LAUDANI

Mafia e gestione delle case popolari, blitz a Giarre contro il clan Laudani: 17 arresti

Operazione antimafia dei carabinieri di Catania che, eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per 17 indagati, hanno disarticolato le 'nuove leve' del gruppo del clan Laudani che operava a Giarre. I reati ipotizzati dalla Procura distrettuale sono, a vario titolo, associazione mafiosa finalizzata a estorsione, furto in abitazione, lesioni e riciclaggio, reati aggravati dal favorire la cosca.

Le indagini dell’operazione 'Smack forever', così denominata perché alcuni affiliati si sono fatti un tatuaggio a forma di 'labbra', simbolo dei Laudani, si sono avvalse di attività tecniche e sul territorio, e sono state riscontrate da dichiarazioni di più collaboratori di giustizia.

Dall’inchiesta è emerso che il gruppo era in possesso di armi e che controllava il territorio mediante una capillare sottoposizione dei commercianti al pagamento del 'pizzo', imponendo assunzioni forzate con pestaggi, incendi di veicoli e furti.

Accertate anche il riciclaggio dei proventi delle attività illecite con intestazioni fittizie di depositi e conti correnti e l’interesse del clan ad appoggiare, alle elezioni comunali del 2016, candidati a loro vicini, ma che non sono stati identificati.

Il boss Alessandro Liotta avrebbe anche gestito illegittimamente la consegna di appartamenti di proprietà della Regione Sicilia in carico all’Istituto autonomo case popolari di Acireale.

Non solo estorsioni a 'tappeto', ma anche gestione di voti e nel consegnare illegalmente case popolari, quindi. Il gruppo del clan Laudani di Giarre guidato da Liotta usava ogni mezzo illecito per fare soldi da riciclare. Così nel giugno del 2016 per le Comunali a Giarre appoggiava dei candidati consiglieri per, spiega la Procura di Catania, «ottenere benefici futuri».

Blitz di mafia con 17 arresti a Giarre, colpo al clan Laudani - Nomi e foto

Pur non essendo emersa la prova dello scambio di voti sono stati evidenziati contatti con candidati, non identificati, e il proposito del gruppo di attivarsi per promettere denaro e regali per ottenere la preferenza per candidati «di comodo». Il boss giarrese, nel tentativo di convincere un soggetto sconosciuto a cambiare la sua preferenza, gli intimava di dare il voto «agli amici nostri» e non «ai santapaoliani».

Inoltre, secondo l'accusa, Liotta gestiva illegittimamente l’assegnazione delle case popolari, nelle quali faceva confluire le residenze anagrafiche delle persone a lui più vicine o lucrando sui canoni delle locazioni, scomputando debiti che vantava nei confronti di terzi. Senza esitare a sottrarre gli immobili ai precedenti possessori anche con modalità violente. In alcuni casi, l'Istituto Autonomo Case Popolari di Acireale, avendo accertato occupazioni abusive, invitava il Comune di Giarre ad attivare con urgenza la procedura di emissione ed esecuzione di ordinanza di sgombero, di cui, sottolinea la Procura di Catania, «al momento, si sconosce l’esito».

Accanto al capo clan spiccano anche figure femminili, sue corree principali e fedeli affiliate 'marchiate' dal tatuaggio mafioso del 'labbro', simbolo dei Laudani, come la moglie Valeria Vaccato e Sharon Contarino, accusate di riciclaggio ed estorsione. Gli arrestati sono stati condotti nel carcere di Catania Bicocca, ad eccezione di quattro indagati già detenuti per altra causa.

Queste le persone arrestate nell’operazione “Smack Forever”:

Emmanuel Bannò, nato a Catania il 12/04/1996;

Roberto Bonaccorsi, nato a Giarre il 02/06/1965;

Sharon Francesca Contarino, nata a Taormina il 19/10/1992;

Filippo Giuseppe Del Popolo Chiappazzo, nato a Catania il 20/03/1995;

Rosario Pietro Forzisi, nato a Taormina il 29/06/1996;

Salvatore Greco, nato ad Acireale il 18/11/1972;

Davide Indelicato, nato ad Acireale il 29/01/1980;

Alessandro Liotta, nato a Catania il 30/08/1976;

Carmelo Mauro, nato a Giarre il 08/10/1997;

Francesco Messina, nato a Giarre il 04/06/1967;

Giuseppe Musumeci, nato ad Acireale il 27/07/1987;

Vincenzo Musumeci, nato a Giarre il 24/11/1975;

Salvatore Nicotra, nato a Giarre il 30/07/1957;

Giovanni Marconato Oliveri, a Giarre il 16/01/1994;

Massimo Pagano, nato a Giarre il 05/12/1977;

Leonardo Patanè, nato a Calatabiano il 09/06/1953;

Valeria Vaccaro, nata a Giarre il 29/07/1981.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook