Lunedì, 14 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
MESSINA

Vittoria, la donna scomparsa è stata ritrovata: ma il marito le chiude le porte

Giuseppina Pepi, la donna scomparsa da Vittoria, in provincia di Ragusa il 15 ottobre scorso è stata ritrovata. L’ha rintracciata la  Squadra Mobile di Ragusa. Lo riferisce "Chi l’ha visto?", che aveva fatto alla polizia una segnalazione raccolta da una donna, intervistata dall’inviato di Rai 3. Gli inquirenti avevano chiesto l’acquisizione delle immagini e grazie a questa testimonianza sono riusciti ad individuare Giuseppina Pepi, la 39enne mamma di cinque figli per la quale Federica Sciarelli aveva lanciato più volte appelli dai microfoni di "Chi l’ha visto?". La mamma sta bene.

"Sono contento che sia stata ritrovata e che stia bene ma non troverà le porte di casa aperte dopo che ho saputo che è stata vista con due uomini su una panchina a Palermo. Non la voglio più". Lo dice all’Ansa Davide Avola, il marito di Giuseppina Pepi, che aveva denunciato la scomparsa della moglie. Il rapporto tra i due coniugi era stato al centro di diversi servizi dei programmi televisivi che si erano occupati del "caso", a cominciare da «Chi l’ha visto?».

Alcuni testimoni avevano parlato dei problemi della coppia, della gelosia dell’uomo che, secondo gli intervistati, avrebbe tenuto la moglie chiusa in casa. Accusa che l’uomo ha sempre respinto. "Se mia moglie insiste su questa versione - aggiunge Avola - non ha motivo di tornare da me. Dovrebbe invece ammettere che a lei piace un’altra vita e che non ha alcun interesse per i suoi figli. Questa vicenda ha fatto male a me e ai miei figli e il ritrovamento a Palermo dove sospettavo fosse andata sin dal primo giorno è la conferma che a lei piace fare un’altra vita". Sarà la donna ora a chiarire agli agenti che l’hanno ritrovata i motivi del suo allontanamento.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook