Domenica, 22 Settembre 2019
stampa
Dimensione testo
PROTEZIONE CIVILE

Terremoto sull'Etna, sono 784 gli sfollati per i danni del sisma

Al momento sono 784 le persone rimaste senza casa nel Catanese per i danni causati dal sisma di magnitudo 4.8 del giorno di Santo Stefano sull'Etna. La cifra è stata aggiornata dal capo dipartimento della Protezione civile, Angelo Borrelli, a conclusione di una riunione del Centro coordinamento soccorsi convocata a Palazzo Minoriti dal prefetto di Catania, Claudio Sammartino.

Era presente il commissario straordinario per l’emergenza Calogero Foti. Degli attuali sfollati sono 658 quelli ospiti di strutture alberghiere, mentre 124 hanno trovato una autonoma sistemazione e due persone sono in una struttura pubblica che fornisce loro adeguata assistenza.

Le richieste di sopralluoghi sono 3.805, e di questi 465 sono sono stati eseguiti con esito di inagibilità per 114. Inagibili anche 12 chiese (5 ad Aci Catena, 1 ad Acireale, 4 a Santa Venerina e 2 a Zafferana Etnea) e due scuole. Sul fronte della sicurezza arriveranno nel Catanese 120 militari in supporto alle forze dell’ordine.

«L'ordinanza di Protezione civile firmata dopo lo stato di emergenza emanato dal Consiglio di ministri per il sisma nel Catanese ha risorse consistenti che permettono di agire tempestivamente. Questi 10 milioni di euro sono una prima parte di fondi, se ne serviranno altri avanzeremo la richiesta. Per avere un quadro definitivo di danni da terremoti occorrono mesi, a volte un anno», ha affermato Borrelli.

Borrelli ha spiegato i contenuti di una delle norme che «può accelerare i recuperi delle case da parte di privati»: il finanziamento di «25mila euro per la popolazione che ha subito danni non strutturali per rientrare in casa il prima possibile». Il fondo, «a cui si potrà accedere con una procedura semplificata, servirà per interventi immediati».

Che, ha spiegato Borrelli, «si devono concludere entro quattro mesi dall’autorizzazione ottenuta dal Comune». Secondo una stima provvisoria ad usufruire di questo finanziamento potrebbe essere il 50% degli edifici danneggiati,
anche del settore imprenditoriale.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook