Venerdì, 22 Febbraio 2019
stampa
Dimensione testo
LA QUERELLE

Alì Terme, immobile confiscato alla criminalità: in Aula è polemica

di

Animato, sia pur breve, consiglio comunale quello avuto luogo ad Alì Terme. Il secondo punto all’ordine del giorno è stato infatti oggetto di una querelle verbale tra il gruppo di minoranza (Micali, Mazzucco, Carbone) e quello di maggioranza. Il punto in questione era quello relativo alla dichiarazione dell’esistenza o meno di prevalenti interessi pubblici al mantenimento di un fabbricato abusivo sito in località Capo Alì e trasferito, nel 2013, al patrimonio indisponibile del Comune di Alì Terme a seguito di confisca alla malavita organizzata.

La motivazione scatenante di un’apposita convocazione (con carattere di urgenza) di un consiglio comunale avente tale punto all’ordine del giorno è nata dalla richiesta di un’ulteriore documentazione, a corredo del progetto, richiesta dal ministero. Tale documentazione si rende necessaria per sanare, o meglio by-passare, l’aggettivo “abusivo” citato nel decreto di assegnazione.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud - edizione di Messina in edicola.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X