Mercoledì, 24 Aprile 2019
stampa
Dimensione testo
BIANCAVILLA

Gli affari della mafia tra armi e droga, 16 arresti nel Catanese: c'è anche un ex sindaco

Sedici appartenenti a un gruppo mafioso accusato di gestire un traffico di droga a Biancavilla sono stati arrestati da carabinieri del Comando provinciale di Catania e della polizia.

Nei loro confronti gli investigatori stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip su richiesta della Direzione distrettuale antimafia etnea, che ipotizza i reati di associazione mafiosa e associazione per delinquere finalizzata al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti e al porto e alla detenzione di armi.

Con l’operazione, denominata 'Città blindata', la procura distrettuale di Catania ritiene di avere disarticolato la cosca storicamente denominata Tomasello-Mazzaglia-Toscano e oggi diretta da due 'famiglie', Amoroso e Monforte, e legata al clan Santapaola-Ercolano ai vertici di cosa nostra.

Biancavilla, così il clan gestiva lo spaccio "in esclusiva": 16 arresti - Nomi e foto

Gli arrestati sono stati trasferiti al carcere di Catania-Bicocca, in attesa dell’interrogatorio di garanzia che si terrà nei prossimi giorni. Si tratta di: Giuseppe Amoroso, Vito Amoroso, Giovanni Carciotto, Tino Caruso, Gregorio Gangi, Alberto Gravagna, Roberto Licari, Andrea Monforte, Alfio Ambrogio Monforte, Alfio Muscia, Vincenzo Panebianco, Riccardo Pelleriti, Placido Ricceri, Carmelo Vercoco, Massimo Merlo, Marcello Merlo.

Quest'ultimo, 59 anni, è l’ex sindaco di Biancavilla, in carica, in quota area del centrosinistra, dal settembre del 1993 al maggio del 1994. È indagato per associazione mafiosa ed è stato arrestato dalla squadra mobile della questura. Con il fratello Massimo, di 47 anni, è ritenuto ai vertici del gruppo 'Merlo' che, secondo l’accusa, dal 2016 sarebbe confluito nella cosca Tomasello-Mazzaglia-Toscano legata alla 'famiglia' Santapaola-Ercolano ai vertici di Cosa nostra etnea.

Massimo Merlo, fratello dell’ex sindaco, è stato arrestato il 2 dicembre del 2016, dalla squadra mobile e da agenti del commissariato di Adrano nell’ambito delle indagini sull'omicidio di Maurizio Maccarrone, 43 anni, assassinato il 4 novembre del 2014 davanti casa sua, ad Adrano. Secondo l’accusa sarebbe il mandante del delitto passionale: la vittima aveva avuto un relazione con l’ex fidanzata di Massimo Merlo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook