Mercoledì, 20 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
SOLIDARIETA'

Auto inghiottita dal mare ad Acireale, l'appello del parroco per ritrovare il corpo di Enrico

appello parrocchia, auto inghiottita dal mare acireale, ritrovamento corpi, Enrico Cordella, francesco mazzoli, Sicilia, Cronaca
L'auto su cui viaggiavano i giovani

«Avviso importante! Enrico noi ti troveremo!!! Chiedo ai miei pescatori, padri e figli, di riunirci in Chiesa per organizzare la ricerca di Enrico». E’ l’appello, su Facebook, di padre Francesco Mazzoli, della parrocchia di Santa Maria La Scala di Acireale.

Chiede di ampliare il numero di persone che in questi giorni si sono messe a disposizione per cercare Enrico Cordella, 22 anni, uno dei tre giovani trascinati in mare tre giorni fa da una mareggiata mentre erano su una Fiat Panda sul molo del porticciolo della frazione di Acireale.

«L'invito è esteso ai pescatori delle frazioni a mare - si legge nel post - e soprattutto ai sommozzatori brevettati che mossi da spirito di solidarietà voglio unirsi a noi con i vigili del fuoco e carabinieri dei nuclei sommozzatori». Oggi pomeriggio, alle 18.30, nel piccolo borgo marinaro - promossa dalla parrocchia e dall’amministrazione comunale - è stata organizzata una veglia di preghiera «per affidare a Gesù, vincitore della morte, i nostri tre figli Enrico con Margherita e Lorenzo».

Stamattina sono stati celebrati i funerali di Margherita Quattrocchi, 21anni e Lorenzo D’Agata, di 27, i cui corpi sono stati recuperati lunedì mattina dalla Guardia costiera.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook