Giovedì, 22 Agosto 2019
stampa
Dimensione testo
TRIBUNALE

L'inchiesta a Trapani, il Riesame dopo le 27 scarcerazioni: "Non provata l'esistenza della superloggia"

inchiesta trapani, superloggia, Sicilia, Cronaca
Giovanni Lo Sciuto

La superloggia denunciata dai pm di Trapani ha una "dimostrazione carente" e "l'interesse per la massoneria" ha "una matrice esclusivamente elettorale". Così i giudici del Tribunale del Riesame hanno motivato la scarcerazione dei 27 arrestati nel blitz Artemisia eseguito dai carabinieri lo scorso 21 marzo su richiesta della Procura di Trapani.

Per il Riesame "non emergono condotte di interferenza organizzate e pianificate dal sodalizio" ma soltanto "singoli rapporti di amicizia o colleganza tra alcune persone senza che sia emerso un organigramma o una mera distinzione tra i ruoli".

È l’indagine della Procura di Trapani in cui venne arrestato l’ex deputato, tra gli altri, Giovanni Lo Sciuto, accusato di aver messo su una loggia segreta che attraverso la concessione di false pensioni di invalidità raccoglieva voti per controllare il comune di Castelvetrano, la città natale del latitante Matteo Messina Denaro.

La motivazione emerge dal provvedimento di scarcerazione che riguarda uno degli indagati poi scarcerati: il commercialista Gaspare Magro. Secondo i giudici del Riesame non è provata l’esistenza di "un comune progetto associativo, atteso che le decisioni assunte da Lo Sciuto erano funzionali a soddisfare il suo esclusivo interesse ad ampliare il suo pacchetto di voti".

Infine "i candidati da appoggiare" secondo il Riesame venivano individuati "non tra gli esponenti di tale gruppo segreto ma tra coloro che, dando la disponibilità alla propria candidatura, avrebbero garantito voti al partito".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook