Mercoledì, 17 Luglio 2019
stampa
Dimensione testo
OPERAZIONE "ZIKKA"

Corse clandestine a Messina, in appello sette patteggiano la pena

In sette patteggiano la pena, l'ottavo imputato usufruisce di uno “sconto”. S'è concluso così nella serata di ieri il processo d'appello per l'operazione “Zikka”, ovvero la gang dei “Minissaloti”, i cui componenti dovevano rispondere, a vario titolo, dei reati di associazione per delinquere finalizzata all'organizzazione di corse clandestine di cavalli e maltrattamento di animali.

Ecco il dettaglio delle “pene concordate” ratificate dal collegio di secondo grado presieduto dal giudice Alfredo Sicuro: Stello Margareci, 3 anni; Rosario Lo Re, Gabriele Maimone e Orlando Colicchia, un anno e 8 mesi; Gaetano Leo, un anno e 4 mesi; Antonino Caruso, un anno; Antonino Rizzo, 10 mesi e 40.000 euro di multa.

I giudici hanno poi rideterminato la pena per il solo Orazio Panarello, decidendo la condanna a un anno e 6 mesi di reclusione. A Lo Re, De Leo, Caruso, Maimone, Colicchia e Panarello è stata concessa la sospensione della pena. Sulla Gazzetta del Sud in edicola il servizio integrale.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook