Lunedì, 23 Settembre 2019
stampa
Dimensione testo
PALERMO

Lotta al caporalato in Sicilia, telecamere e sensori ambientali nelle campagne

La Regione Siciliana dichiara guerra al caporalato nelle campagne e lo fa dotandosi di una serie di strumenti ad alta tecnologia. Entra nella fase operativa il Protocollo d'intesa sottoscritto dal presidente Nello Musumeci con il ministero dell'Interno, che ha stanziato circa dodici milioni di euro nell'ambito del Pon Legalità 2014/2020.

Il governo regionale, da parte sua, con una delibera proposta dall'assessore al Territorio Toto Cordaro, si è impegnato a destinare duecentomila euro all'anno, per il successivo quinquennio 2022/2026, per garantire la piena funzionalità delle apparecchiature che saranno installate e che verranno messe in collegamento con la centrale operativa del Corpo forestale della Sicilia.

Si tratta, principalmente di telecamere ad alta risoluzione e di sensori audio/video ambientali ma ci si affiderà anche alle immagini catturate dai droni. "Non vogliamo dare tregua - dice Musumeci - a chi nei campi sfrutta la disperazione della gente, donne o uomini che siano, umiliati e abusati nella loro dignità di esseri umani. Un fenomeno odioso, un crimine contro il quale anche noi, al fianco delle forze dell'ordine, intendiamo fare la nostra parte. Senza dimenticare il flusso di denaro non indifferente che il caporalato costantemente sottrae all'economia legale nel settore agricolo".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook