Mercoledì, 23 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
L'INCHIESTA

Concorsi truccati all'Università di Catania, altri 14 indagati tra cui l'ex sindaco Bianco - Nomi

catania, concorsi truccati università, Università bandita, Alba Miraglia, Caterina Cirelli, Enzo Bianco, Gianpietro Giusso del Galdo, Giovanni Pennisi, Giuseppe Musumeci, Luigi Caranti, Margherita Ferrante, Marina Paino, Orazio Licandro, Salvatore Torre, Santo Burgio, Valerio Pirronello, Venera Ferrito, Sicilia, Cronaca
Enzo Bianco, ex sindaco di Catania

Ci sono anche l’ex sindaco Enzo Bianco e il suo ex assessore alla Bellezza condivisa e ordinario del Dipartimento di Scienze Umanistiche Orazio Licandro tra gli indagati nell’inchiesta 'Università bandita'.

Un'indagine sfociata il 28 giugno scorso nella sospensione da parte del gip del Rettore dell’Ateneo di Catania Francesco Basile e di altri nove professori con posizioni apicali nei Dipartimenti dell’Università etnea, tutti indagati per associazione per delinquere, corruzione e turbativa d’asta.

I loro nomi sono nell’elenco di altri 14 indagati ai quali sono stati notificati dalla Digos della questura avvisi di garanzia e contemporanea richiesta di proroga delle indagini emessi dalla procura distrettuale.

Bianco, secondo l’accusa, avrebbe 'aiutato' Licandro, che insegnava a Catanzaro, ad ottenere la cattedra a Catania coinvolgendo le sue amicizie nell’ateneo. Nell’inchiesta 'Università bandita' gli indagati sono finora 80.

I nuovi avvisi di garanzia sono stati notificati, oltre che a Bianco e Licandro, alla direttrice del Dipartimento di Scienze umanistiche dell’ Università Marina Paino, al direttore in pensione del Dipartimento di Fisica e astronomia Valerio Pirronello, all’ordinario di Filosofia politica nel Dipartimento di Scienze politiche e sociali Luigi Caranti.

Risultano anche indagati l'ordinario di Geografia economico politica nel Dipartimento di Economia e impresa Caterina Cirelli, l’ordinario di Economia aziendale nel Dipartimento di Economia e impresa Rosa Alba Miraglia, l’ordinario di Scienze tecniche mediche applicate del Dipartimento Chirurgia generale e specialità medico chirurgiche Giovanni Pennisi, l’associato di Storia della filosofia e presidente della Struttura didattica speciale di Lingue e letterature straniere dell’Ateneo Santo Burgio, l’associato di Igiene generale e applicata nel Dipartimento di Scienze mediche, chirurgiche e tecnologie avanzate Margherita Ferrante.

Tra i nuovi indagati anche l’associato del Dipartimento di Scienze biologiche, geologiche e ambientali Venera Ferrito, l’associato del Dipartimento di Botanica e responsabile scientifico dell’Orto botanico di Catania Gianpietro Giusso del Galdo, l'associato di Anatomia nel Dipartimento di Scienze biomediche e biotecnologiche Giuseppe Musumeci e l’associato di Geografia Salvatore Torre.

«Mi fa piacere che la magistratura catanese abbia deciso di prolungare le indagini su una vicenda del Dipartimento di Scienze umanistiche. Sono sicuro che al termine di questo approfondimento sarà dimostrata la piena legittimità del mio comportamento», afferma in una nota l’ex sindaco Bianco.

«Si sta parlando - aggiunge l’ex sindaco - di un professore di Storia del Diritto Romano, già ordinario da molti anni, con una serie di pubblicazioni riconosciute a livello internazionale e di una procedura che a me pare pienamente legittima, rispetto alla quale non ho ovviamente alcuna competenza. Ho piena fiducia che approfondite indagini confermeranno quanto ho affermato».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook