Giovedì, 17 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
DIA

La mappa della criminalità a Messina, clan catanesi sempre più influenti

di
indagini, mafia, messina, Messina, Sicilia, Cronaca
Ispezione antimafia in un cantiere del G7

Non muta granché la geografia criminale a Messina e provincia. Cambia, invece, il contesto di riferimento, in linea con l'incedere del tempo. È quanto emerge dalla relazione della Dia riguardante il secondo semestre 2018.

Le attività di indagine, riporta la Gazzetta del Sud in edicola, hanno confermato la vitalità dei sodalizi storicamente radicati nella città dello Stretto, e geograficamente suddivisi per “rioni”.

Nel dettaglio, nella zona sud, è sempre stabilmente insediato il clan Spartà; il quartiere di “Provinciale” vede la presenza del gruppo riconducibile ai Lo Duca, mentre il sodalizio, composto dalle famiglie Aspri, Trischitta, Cutè, domina a Mangialupi. A Camaro, confermato il ruolo di riferimento dei Ventura, a Giostra rimane insediato il gruppo riconducibile a Galli-Tibia. Ma su tutta la città peloritana «si protende l'influenza della del clan catanese dei Santapaola, strettamente legato ai Romeo, come ha dimostrato l'operazione “Beta”.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook