Domenica, 20 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
IL CASO

Prende in giro la dipendente straniera di un b&b a Palermo, ospite cacciato via

Battute sui siciliani, sul caldo africano e allusioni pesanti su una ventitreenne palermitana nata da genitori del Ghana. La titolare di un b&b di Palermo non ci ha pensato due volte e ha messo alla porta un settantenne di Milano.

«Ho sopportato qualche minuto, poi ho deciso di intervenire - racconta Emiliano Nania marito della titolare del b&b. La ragazza è una collaboratrice bravissima e merita rispetto».

Il milanese doveva restare ancora un giorno, ma ha dovuto fare le valigie. «Caro ospite ignorante - si legge sulla pagina Facebook della struttura - per noi nascere a Palermo è sufficiente per essere italiani e se per te i siciliani non lo sono, stai serenamente a casa tua. Se pensi che il vero italiano sia un essere superiore, noi tutti siamo più italiani di te. Felice di averti, con il sorriso, sbattuto la porta in faccia perché qui è casa mia e non diamo il benvenuto a chi non lo merita. W il mondo a colori».

© Riproduzione riservata

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook