Sabato, 25 Giugno 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Piante di marijuana appese in salotto, scatta il sequestro nell'Agrigentino
CAMPOBELLO DI LICATA

Piante di marijuana appese in salotto, scatta il sequestro nell'Agrigentino

A Campobello di Licata i carabinieri hanno smantellato una vera e propria centrale di stoccaggio e dello smercio di marijuana realizzata in un'abitazione. Il Comune della provincia agrigentina è noto anche per i suoi vigneti.

Evidentemente quella lavorata nel salotto di una casa disabitata da anni e, molto probabilmente all’insaputa della proprietaria, non era l’uva proveniente dai campi, ma marijuana di ottima qualità.

I militari, durante un servizio antidroga, nella periferia di Campobello, sono stati attirati dall’odore di marijuana e sono riusciti a identificare un’abitazione all’apparenza abbandonata e di proprietà di un’anziana signora residente in nord Italia da anni. La porta non era chiusa a chiave.

È bastata, ai militari, una leggera spinta per aprirla e trovarsi davanti a una scena per certi versi surreale. Il salotto dell’abitazione era stato trasformato in un vero e proprio locale di stoccaggio per la marijuana, con zone adibite all’essiccazione delle piante. Canapa appesa ovunque, sul lampadario, alle pareti, al posto dei quadri, o adagiata sul divano, sul tavolo e su tutta la superficie del pavimento.

Un totale di oltre 100 piante in fase di essiccazione. Sempre all’interno dell’abitazione è stata trovata marijuana già confezionata in grosse buste del peso di un chilogrammo e in formati più piccoli, per un totale di quasi dieci chilogrammi di sostanza stupefacente già pronta per essere venduta.

Oltre alla droga, i carabinieri, hanno trovato un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento dello stupefacente. Resta da capire chi ci fosse dietro tali attività.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook