Sabato, 07 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
IL CASO

Messina, giustizia "lumaca" e diritti negati: la battaglia di Veronica per il figlio malato

di
malasanità, tribunale messina, Roberto Trussardi, Veronica La Camera, Messina, Sicilia, Cronaca
Veronica e Dylan

«I tempi a Messina sono disastrosi. Questo bisogna dirlo. Forse sarebbe opportuno trattare con un occhio di riguardo i casi più importanti e non parificarli a quelli banali che affollano i Tribunali. La prossima udienza è il 28 novembre. La prima, invece, è stata il 15 giugno del 2017, dopo la giudice che era stata incaricata è andata in maternità».

A parlare di una vicenda che sta commuovendo tutta Italia e di Dylan, il bambino di quasi 5 anni, affetto da tetraparesi spastica, epilessia sintomatica, ipovedenza e un grave ritardo psicomotorio, è l'avvocato bergamasco Roberto Trussardi, a cui la famiglia Maceli si è rivolta denunciando un presunto caso di malasanità.

Ma su cosa si basa l'azione legale? «Si basa - precisa l'avvocato - su un mancato riconoscimento della preeclampsia della ragazza (comunemente conosciuta come gestosi, ndc) che nel momento in cui avvenne il fatto era già ricoverata da 3 giorni e quindi nessuno si è reso conto che si trovava in questa fase».

L'articolo completo nell'edizione di Messina della Gazzetta del Sud.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook