Sabato, 18 Gennaio 2020
stampa
Dimensione testo
CARABINIERI

Droga, giovanissimi spacciatori tra movida e scuole: sei arresti fra Patti, Gioiosa Marea e Barcellona

Operazione antidroga dei carabinieri nel Messinese tra Patti, Gioiosa Marea e Barcellona Pozzo di Gotto.

In esecuzione di due ordinanze di custodia cautelare emesse dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Patti (Messina) e dal Gip del Tribunale per i Minorenni di Messina, i carabinieri hanno arrestato 6 persone; tra i quali un minorenne.

Inoltre sono stati eseguiti altri 4 provvedimenti cautelari con l'applicazione dell'obbligo di dimora a carico di 3 persone e l'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria per una donna. Tutti gli indagati sono accusati di traffico e detenzione illecita di sostanze stupefacenti.

Le indagini hanno consentito di portare alla luce una fitta rete di spaccio di sostanze stupefacenti, costituita da ragazzi che cedevano marijuana e cocaina a giovanissimi acquirenti, talvolta minorenni, non solo nei luoghi della movida dei comuni di Patti e Gioiosa Marea ma anche, all'esterno di alcuni istituti scolastici.

La droga di Messina a Patti, Gioiosa Marea e Barcellona: nomi e foto dei giovanissimi arrestati

Ai domiciliari sono finiti: Francisco Ignacio Gonzales Perez, 29 anni, cubano ma residente a Patti; Pietro Marco Calabrese, 26 anni di Barcellona Pozzo di Gotto; Alessandro D'Amico, 25 anni, Michael Morciano, 20 anni, Rosario Lo Presti, 22 anni, M. G., 18 anni, tutti di Patti; Mauro Corica, 37 anni, di Barcellona Pozzo di Gotto.

Inoltre sono stati disposti altri quattro provvedimenti cautelari, con obbligo di dimora per: Mauro Carica, 37 anni , barcellonese; Antonio Agostino Sangiorgio, 20 anni, pattese; Fabrizio Andrea Saloperto, 20 anni, Gioiosa Marea; Daniela Sorbera, 36 anni, Gioiosa Marea, obbligo di firma.

I carabinieri hanno scoperto una fitta rete di spaccio condotta da giovanissimi, il centro di questa rete era proprio a Patti. I giovani indagati comunicavano tramite What’s App e Telegram.

Lo Presti, D’Amico e M.G. per rifornirsi di cocaina, destinata alla vendita, si recavano a Messina. Durante una perquisizione dei carabinieri Lo Presti ha ingerito tre ovuli contenenti cocaina. Sempre durante una perquisizione in via Croce Segreto a Patti, i militari hanno trovato 545 grammi di marijuana nascosta nel sottosella di uno scooter, appartenente ai due giovani Lo Presti e D’Amico ma in quell’occasione i due sono riuscite a scappare e far perdere le proprie tracce.

Di rilievo è la figura di Gonzalez, meglio conosciuto in zona come “il cubano”, ritenuto il principale responsabile delle vendite di sostanze stupefacenti oltre che a una ragazza minorenne, ad una serie di minorenni al di fuori di un istituto primario di Patti Marina.

Inoltre Gonzalez, Calabrese e Corica si sono resi responsabili di estorsione nei confronti di un minore in quanto doveva saldare alcuni debiti relativi all’acquisto di sostanze stupefacenti. I tre indagati si sono recati dinanzi l’abitazione del giovane ed hanno ottenuto la loro somma di 170 euro.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook