Sabato, 24 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Caro navi, sospesa la protesta degli autotrasportatori in Sicilia dopo la riunione in Regione
TRASPORTI

Caro navi, sospesa la protesta degli autotrasportatori in Sicilia dopo la riunione in Regione

”Si è conclusa la riunione straordinaria della Consulta regionale dell’Autotrasporto voluta dall’assessore alle Infrastrutture Marco Falcone a seguito della protesta dei tir nei porti siciliani. Presenti le principali sigle del settore autotrasporto e i rappresentati delle Autorità di sistema portuale della Sicilia.

“Dopo un confronto durato due ore - dichiara Falcone - gli autotrasportatori hanno convenuto sulla richiesta del Governo Musumeci di sospendere ogni forma di protesta. Al contempo la Consulta regionale ha deliberato all’unanimità di chiedere al Governo nazionale, nella riunione che dovrà tenersi la prossima settimana come comunicato dal viceministro Giancarlo Cancelleri, un ristoro per i disagi che gli autotrasportatori devono patire a causa della chiusura dell’A19 Palermo-Catania e dei relativi transiti alternativi fortemente penalizzanti, ristori sul modello di quanto avvenuto per la Regione Liguria.

Per quanto riguarda invece il rincaro dei trasporti marittimi, la Consulta chiede a Roma di adottare soluzioni idonee al fine di attutire e ridurre gli aumenti a carico degli autotrasportatori. Una di queste potrebbe essere l’estensione agli armatori, per i prossimi tre anni, del Mare bonus.

Infine - conclude Falcone - alla riunione della settimana prossima al Ministero delle Infrastrutture, il Governo Musumeci sarà presente con una delegazione della Consulta regionale per l’Autotrasporto”.

Il presidente regionale di Confartigianato Trasporti, Giuseppe Pezzati, ha partecipato alla riunione con le sigle più rappresentative dei sindacati nazionali, insieme al segretario della categoria Trasporti nazionale, Sergio Lo Monte.

“La posizione di Confartigianato è stata molto chiara – spiega Pezzati – . Un aumento del 25% è improponibile. Questa percentuale va sicuramente rivista e occorre riflettere su come ripartire questi maggiori costi, dal più forte al più debole, non penalizzando così esclusivamente gli autotrasportatori".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook