Mercoledì, 03 Giugno 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Femminicidio a Furci, folla al cimitero di Favara per Lorena: aperta un'inchiesta
AGRIGENTO

Femminicidio a Furci, folla al cimitero di Favara per Lorena: aperta un'inchiesta

coronavirus, femminicidio, furci, Antonio De Pace, Lorena Quaranta, Messina, Sicilia, Cronaca
Lorena Quaranta

La Procura di Agrigento ha aperto un’inchiesta per accertare eventuali responsabilità e violazioni del decreto legge che vieta gli assembramenti, per limitare il contagio da Covid-19, in occasione dell’ultimo saluto a Favara, a Lorena Quaranta, la studentessa di 27 anni per il cui omicidio per strangolamento è stato fermato il fidanzato, Antonio De Pace, di un anno più grande. Il delitto è avvenuto a Furci Siculo, nel Messinese, dove la coppia conviveva.

Il capo dell’ufficio inquirente, Luigi Patronaggio, sulla base delle immagini riprese dagli organi di stampa e rilanciate sui social, che ritraevano, una folla di persone ammassate davanti ai cancelli del cimitero, ha aperto un fascicolo per il momento a carico di ignoti e senza ipotesi di reato. «Occorre vedere - evidenziano fonti della procura - se è stata una cosa spontanea e incontrollata oppure organizzata e non fronteggiata».

L’arcidiocesi, su invito del sindaco Anna Alba e degli stessi familiari, ha concesso un piccolo strappo al divieto assoluto di cerimonie religiose, autorizzando la «liturgia della parola», in sostanza una breve omelia, nella cappella del cimitero, con la presenza dei soli familiari. Nel mirino del procuratore è finita la presenza esagerata di decine di persone, alcune delle quali si vedono in foto anche senza mascherina, assiepate davanti al cancello del cimitero.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook