Giovedì, 28 Maggio 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Mare più inquinato, Barcellona viene dopo Messina: tratti non balneabili per 800 metri
DECRETO REGIONALE

Mare più inquinato, Barcellona viene dopo Messina: tratti non balneabili per 800 metri

di

Anche per la stagione balneare 2020 la costa di Barcellona mantiene il record negativo del tratto di mare più inquinato in lunghezza della provincia - ad esclusione di quella di Messina. Restano infatti sempre due i tratti che non risultano balneabili per inquinamento per una distanza complessiva di 800 metri: da Villa Crisafulli - scarico troppo pieno da 400 metri ad ovest e poi da 400 metri ad est della foce del torrente Termini. Il decreto regionale emanato dall'Assessorato alla salute del 19 marzo scorso, relativo sulla stagione balneare 2020, ha confermato, dunque, per buona parte i dati del 2019 e del 2018.

Solo Messina supera la costa del Longano con tre tratti di mare inquinati; è riferito ai 6400 metri dalla foce del torrente Larderia a quella del torrente Portalegni, una fascia che poi si “allunga” di altri 630 metri, da 50 metri a sud dall'ospedale “Regina Margherita” a 100 metri a nord della foce del torrente Annunziata e di altri 200 metri da 100 metri a sud a 100 metri a nord del canale del lago Piccolo di Torre Faro.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud, edizione di Messina

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook