Mercoledì, 05 Agosto 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca False pensioni di invalidità, indagata la presidente dell'Ordine degli psicologi in Sicilia
TRAPANI

False pensioni di invalidità, indagata la presidente dell'Ordine degli psicologi in Sicilia

C'è anche la presidente dell’Ordine degli psicologi della Regione Sicilia, Gaetana D’Agostino, tra i 28 indagati alla Procura di Trapani per falsità materiale e ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici.

Nei giorni scorsi i carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Trapani hanno notificato l’avviso di conclusione delle indagini preliminari, emesso dalla Procura della Repubblica di Trapani - l’aggiunto Maurizio Agnello e le sostitute Francesca Urbani e Sara Morri - che prelude, di solito, al rinvio a giudizio degli indagati.

Gaetana D’Agostino, 42 anni, eletta al vertice dell’Ordine siciliano lo scorso dicembre (era consigliere dal 2016), dal 2013 è anche consigliera d’Indirizzo Generale dell’Ente Nazionale di Assistenza e Previdenza degli Psicologi.

L’indagine - che riguarda 28 indagati, tra medici, assistenti socio-sanitari, membri delle «ommissioni mediche per l’accertamento dell’invalidità Civile» e delle «ommissioni mediche per l’accertamento dell’Handicap dell’Inps» di Trapani è scaturita dall’inchiesta «Artemisia» del 21 marzo 2019 in cui i carabinieri del Comando Provinciale di Trapani arrestarono 27 persone, ritenute responsabili, a vario titolo, di corruzione, concussione, traffico di influenze illecite, peculato, truffa aggravata, falsità materiale, falsità ideologica, rivelazione ed utilizzazione del segreto d’ufficio, favoreggiamento personale, abuso d’ufficio ed associazione a delinquere segreta finalizzata ad interferire con la pubblica amministrazione.

Tra questi anche l’ex deputato regionale Giovanni Lo Sciuto che, secondo gli investigatori, a capo di una associazione segreta che aveva tra gli obiettivi anche quello di far ottenere pensioni e riconoscimenti di invalidità, in assenza dei presupposti di legge attraverso Rosario Orlando, già responsabile del Centro Medico Legale dell’Inps e poi collaboratore esterno.

Per questa ragione gli uffici delle commissioni provinciali erano «monitorate» dagli investigatori con cimici e videocamere e dopo il blitz i carabinieri hanno analizzato i verbali delle commissioni - 172 quelle prese in esame da gennaio a marzo 2018 - incrociandoli con le immagini: i componenti delle commissioni firmavano anche per chi era assente.

Questi i 28 destinatari dell’avviso di conclusione delle indagini: Alberto Adragna, 65 anni; Rosalba Caizza, 64 anni; Francesca Pellegrino, 52 anni; Rosario Orlando, 69 anni; Antonietta Barresi, 58 anni; Patrizia Todaro, 53 anni; Agostino Gabriele Benito Tomasello, 48 anni; Mario Sugamiele, 76 anni; Gaetano Salerno, 43 anni; Antonio Di Giorgio, 47 anni; Sebastiano Genna, 69 anni; Adelina Barba, 50 anni; Tommaso Savì, 36 anni; Pietro Genna, 36 anni; Joseph Dispenza, 48 anni; Giuseppa Badalamenti, 57 anni; Pasquale Petruzzo, 46 anni; Giuseppe Francesco Simone, 73 anni; Simona Gioè, 36 anni; Giovanni Paolo Di Peri, 47 anni; Pietro Alfano, 41 anni; Gaetana D’Agostino, 42 anni; Viviana Cutaia, 42 anni; Giovanna Ivana DI Liberto, 34 anni; Alessio Cammisa, 45 anni; Viviana Catania, 40 anni; Elisa Vegna, 42 anni; Francesca Maria Boatta, 47 anni.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook