Giovedì, 20 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Clan di Santa Lucia, tre condannati: inflitti 35 anni a Messina
MAFIA

Clan di Santa Lucia, tre condannati: inflitti 35 anni a Messina

di
condanne, mafia, Messina, Sicilia, Cronaca
Il tribunale di Messina

Tre condanne, di cui una pesantissima, poi due assoluzioni. E il “reggente” di un clan mafioso che deve risarcire i parenti di un boss pentito, che ha cercato di uccidere. C’è questo ed altro nella sentenza che intorno alle 21 di ieri sera il presidente della prima sezione penale del tribunale Letteria Silipigni ha letto in aula per l’operazione “Polena”. Ovvero l’inchiesta della Distrettuale antimafia e dei carabinieri sul racket di estorsioni e usura governato dal clan Spartà nella zona sud di Messina. Che s’è occupata pure del tentato omicidio dei Ferrara, i parenti del boss Iano del Cep, poi pentito.

La condanna più pesante è quella decisa per Raimondo Messina, considerato il “reggente” del clan di S. Lucia, spedito da tempo al “41 bis”, che ha avuto inflitti complessivamente 35 anni di reclusione e 12mila euro di multa. Poi altre due condanne: 4 anni a Concetta Terranova, 2 anni e 2 mesi a Antonio Chillé. E due le assoluzioni, per Letteria Cambria con la formula «per non avere commesso il fatto», e per Angelo Bonasera con la formula «perché il fatto non sussiste».

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud in edicola, edizione di Messina

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook