Lunedì, 21 Settembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Nebrodi, ecco come la mafia incassava i fondi europei: 250 euro per ogni pratica falsa
L'INCHIESTA

Nebrodi, ecco come la mafia incassava i fondi europei: 250 euro per ogni pratica falsa

di

La mafia dei Nebrodi pagava ai mediatori compiacenti e disonesti 250 euro per ogni pratica falsa. E ha incassato milioni di contributi con il denaro rubato all’Unione Europea sui terreni “fantasma”. Per decenni, addirittura «... dal 1997 ad oggi».

La mafia - ricostruisce la Gazzetta del Sud in edicola - «faceva le truffe all’Agea da sempre», avendo «particolari competenze». E anche quelle sui noccioleti. Chissà quanto denaro è stato drenato in tutto questo tempo. In parte sarà anche transitato e “dorme” su conti esteri.

Sono letteralmente devastanti le dichiarazioni dei collaboratori di giustizia della recente operazione “Nebrodi” sulle truffe all’UE, ovvero Carmelo Barbagiovanni “muzzuni”, Salvatore Costanzo Zammataro e Giuseppe Marino Gammazza “scarapocchio”. Tre mafiosi saliti sul carro dei pentiti da un paio di mesi che hanno letteralmente “rivoluzionato” le conoscenze in questo settore, ampiamente sfruttato dalle organizzazioni criminali per decenni. Una ulteriore, fondamentale conferma di quanto emerse nel gennaio scorso, quando scattò il maxi blitz. Adesso sono per esempio le dichiarazioni dell’ex componente dei Batanesi Carmelo Barbagiovanni a cristallizzare un modus operandi che è andato avanti per anni “senza che nessuno se ne accorgesse”, si fa per dire.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook