Martedì, 19 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Carabiniere arrestato a Messina, quel legame tra "Ninetta" e il maresciallo
L'INCHIESTA

Carabiniere arrestato a Messina, quel legame tra "Ninetta" e il maresciallo

di

Un «rapporto di carattere anomalo», poi risultato «gravemente illecito», tra Antonino Bonaffini, detto “Ninetta”, e un esponente delle forze dell'ordine, il maresciallo dei carabinieri Salvatore Bonavolontà, in servizio nella Polizia giudiziaria della Procura di Messina. Rapporti e intrecci poco limpidi tra quest'ultimo e un altro carabiniere, il romettese Antonino Capurro, pure lui sotto indagine. Insomma, un sottobosco di trame che cancellano il teoricamente invalicabile muro che dovrebbe separare “buoni” e “cattivi”, mischiando pericolosamente le carte in un ipotetico gioco “guardie e ladri”.

È questo il quadro che emerge dall'operazione che ha portato, nello scorso fine settimana, all'arresto di Antonino Bonaffini, Salvatore Bonavolontà (entrambi ai domiciliari) e Filippo Bonaffini, figlio di “Ninetta”, sottoposto all'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud in edicola, edizione di Messina

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook