Martedì, 19 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Migranti, venerdì due nuove navi quarantena a Lampedusa
CORONAVIRUS

Migranti, venerdì due nuove navi quarantena a Lampedusa

Venerdi, a Lampedusa, arriveranno due nuove navi destinate alla quarantena dei migranti. Lo ha annunciato la Prefettura di Agrigento precisando che «consentiranno lo sgombero dell’hotspot, dando priorità d’imbarco ai migranti che sono risultati positivi al Coronavirus e che sono in isolamento in una porzione ben delimitata del centro d’accoglienza».

L’ufficio territoriale del governo precisa: «In maniera costante e sistematica le persone presenti nella struttura sono sottoposti a tamponi da parte del personale dell’Asp e della Croce rossa italiana». La situazione resta molto calda. Il prefetto Maria Rita Ciuccafa è intervenuta in prima persona garantendo che «la Prefettura continua a seguire con la massima attenzione tutte le problematiche relative agli sbarchi e alla complessa gestione dell’hotspot di Lampedusa dove c'è un elevato numero di persone».

«La struttura d’accoglienza - aggiunge - ospita, al momento, oltre un migliaio di migranti, svolgendo una funzione che comunque è essenziale per dare la necessaria assistenza umanitaria, in condizioni di emergenza, per il tempo strettamente necessario alla collocazione degli stranieri in luoghi deputati alla quarantena».

Nell’hotspot, viene sottolineato dal prefetto, c'è anche «una capillare e significativa attività di assistenza e mediazione anche per informare gli stranieri sull'esigenza di tenere comportamenti in linea con le misure anti-Covid sulle quali, compatibilmente alla situazione logistica critica per il numero elevato di presenze, si continua ad insistere fornendo tutti i presidi necessari per contenere il contagio».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook