Martedì, 19 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Lampedusa, i migranti trasportati sulla nave quarantena "Rhapsody": si svuota l'hotspot
AGRIGENTO

Lampedusa, i migranti trasportati sulla nave quarantena "Rhapsody": si svuota l'hotspot

La nave quarantena Rhapsody ha imbarcato - e le operazioni, a cause del forte vento, si sono concluse nel tardo pomeriggio - 754 dei poco meno di mille migranti ospiti dell’hotspot di Lampedusa. Caricati anche una ventina di extracomunitari positivi al Coronavirus. La «Snav Adriatica», giunta davanti l’isola nel pomeriggio, è rimasta invece in rada. Le condizioni del mare vengono date in peggioramento e verosimilmente domattina si comprenderà se si può procedere o meno all’imbarco degli altri migranti - circa 550 - che restano fra hotspot e Casa della fraternità.

L'obiettivo - come assicurato nel vertice tenutosi nei giorni scorsi a palazzo Chigi fra Governo, presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci e sindaco delle isole Pelagie Totò Martello - è, del resto, quello di liberare le due location utilizzate per l’accoglienza e fare in modo che i migranti effettuino la sorveglianza sanitaria proprio sulle navi-quarantena. Sono 5, al momento, quelle operative. Le altre tre sono: la «Allegra», che è in rada del porto di Palermo, ed ha, a fronte di 687 posti disponibili 532 migranti imbarcati; la "Azzurra» che ha a bordo 733 extracomunitari di cui 157 positivi al Covid-19 e si trova davanti al porto di Augusta e la "Aurelia», che è davanti a Trapani, e ha a bordo 338 persone di cui 63 nella zona Coronavirus. Una donna, alla 38esima settimana di gravidanza, positiva al Covid che si trovava sulla "Allegra" è stata trasportata dalla motovedetta della Capitaneria al molo del porto e poi trasferita all’ospedale Cervello.

Sulla stessa nave sono stati spostati - su indicazione della Prefettura di Agrigento - i migranti risultati positivi al virus che erano nel centro d’accoglienza Villa Sikania di Siculiana. L'imbarco dei migranti sulla nave quarantena Rhapsody - che non
è riuscita ad attraccare al porto per via del vento - non è stato per niente semplice. Per consentire l’alleggerimento dell’hotspot è stato utilizzato, come piattaforma, un peschereccio. Dopo ripetute prove con le motovedette, per un problema di differenza di altezza è stata esclusa la possibilità di procedere al trasbordo con i mezzi della Guardia costiera. Grazie al contributo del sindaco Totò Martello e dei pescatori è stato individuato il peschereccio più alto della flotta di Lampedusa che ha ridotto la differenza d’altezza con la "Rhapsody" e dunque le motovedette hanno fatto la spola fra il porto e il peschereccio che è stato utilizzato come 'passerella' per giungere a bordo della nave quarantena.

A tenere d’occhio l’evoluzione del fenomeno anche la commissione europea che, attraverso il portavoce, garantisce di lavorare "molto da vicino col governo italiano". "Presto sarà organizzato un gruppo per affrontare queste questioni in concreto. La commissione Ue - è stato spiegato - continua a fornire un sostegno molto significativo, sia operativo che finanziario all’Italia". A Siracusa, intanto, sono stati fermati dalla polizia due moldavi di 28 e 52 anni. Sarebbero stati loro a guidare la barca a vela che ha permesso l’approdo di 23 afghani sulla spiaggia di Porto Palo di Capo Passero.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook