Lunedì, 30 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Lo spaccio di droga in mano al clan Mangialupi di Messina: tre condanne
OPERAZIONE "TUNNEL"

Lo spaccio di droga in mano al clan Mangialupi di Messina: tre condanne

droga, mangialupi, operazione tunnel, Cristian Restuccia, Francesco Maggio, Salvatore Micari, Messina, Sicilia, Cronaca
Il tribunale di Messina

La Prima sezione penale del Tribunale, nell’ambito del processo scaturito dall’operazione antidroga “Tunnel” ha dichiarato Francesco Maggio colpevole e gli ha inflitto una pena di 14 anni e 6 mesi di reclusione. A Salvatore Micari, invece, 10 anni e mezzo, a Cristian Restuccia 11 anni.

Inoltre, i tre dichiarati interdetti in perpetuo dai pubblici uffici e revocata altresì la sospensione condizionale della pena concessa a Maggio con la sentenza della Corte d’appello di Messina del 18 febbraio 2016, divenuta irrevocabile il 2 aprile dello stesso anno. Al termine della requisitoria, il sostituto della Direzione distrettuale antimafia Fabrizio Monaco aveva chiesto 18 anni di reclusione per Maggio, 14 per Restuccia e 12 anni e 8 mesi per Micari.

Gli imputati di questa tranche del procedimento penale, che vede alla sbarra quanti hanno optato per il rito ordinario, sono assistiti dagli avvocati Alessandro Billè, Salvatore Silvestro e Giuseppe Carrabba. L’operazione prese il nome dal rinvenimento e dal successivo sequestro da parte della Squadra mobile della Questura di Messina di un carico di droga - 42 kg - custodito all’interno del tunnel ferroviario dismesso “Spadalara”, a Bisconte, nel 2017.

Spacciatori italo-albanesi di Mangialupi a Messina, 8 condanne in appello - Nomi e Foto

Poi furono portati alla luce altri due involucri di marijuana, di circa 22 e 10 chili, trasportati in auto da corrieri. L’inchiesta fu coordinata dai sostituti della Dda Maria Pellegrino, Liliana Todaro e Fabrizio Monaco. L’avvio alle indagini fu a maggio 2017, a seguito di un’intercettazione in carcere, per poi concludersi a febbraio 2018. Gli arresti si concretizzarono a luglio 2019.

Nel corso dell’operazione “Tunnel” fu disposto anche il sequestro in via preventiva, finalizzato alla confisca, dei beni mobili, immobili e delle utilità economiche riconducibili all’Asd “Pool Planet”. Un’associazione sportiva dilettantistica localizzata nel rione di Gazzi, la cui titolarità sarebbe stata attribuita fittiziamente a terzi da Santino Di Pietro, per questo motivo indagato anche per trasferimento fraudolento di valori. In sostanza, disarticolata una banda di spacciatori italo-albanesi, che aveva il suo quartier generale a Mangialupi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook