Sabato, 16 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca I figli dell'archeologo Tusa proseguono la causa contro Boeing
MORTO NEL 2019

I figli dell'archeologo Tusa proseguono la causa contro Boeing

Andrea e Vincenzo Tusa, i figli dell’archeologo ed ex assessore regionale siciliano ai Beni culturali Sebastiano Tusa, morto il 10 marzo 2019 nel disastro aereo di Addis Abeba, hanno deciso di non arrendersi e proseguire la causa nei confronti della Boeing. Tutto questo nonostante l’accordo raggiunto dal colosso americano con il dipartimento della Giustizia degli Stati Uniti: pagare una multa da 2,51 miliardi di dollari per evitare conseguenze penali per i due schianti dei 737 Max in Etiopia e in Indonesia che sarebbero stati causati da difetti di fabbrica. «Subito dopo il disastro - dice in un’intervista all’edizione locale di Repubblica Andrea Tusa - abbiamo depositato una causa civile a Chicago. La vicenda penale non inciderà sulla nostra causa. Noi andremo avanti».

«Da una parte - prosegue Tusa junior - io e mio fratello siamo contenti che siano emerse le responsabilità di Boeing, anche molto gravi, rispetto al malfunzionamento degli aerei e all’insabbiamento dei casi. Dall’altro, però, speravamo in una condanna, non in una mediazione di questo genere». Il volo con a bordo Tusa cadde poco dopo il decollo da Addis Abeba. L’incidente che costò la vita a lui e ad altre 156 persone fu causato dal cattivo funzionamento di un software di pilotaggio automatico: secondo le accuse, i piloti non erano stati formati adeguatamente per gestire questo difetto, che mandava l’aereo in picchiata inviando nel frattempo informazioni contraddittorie in cabina.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook