Martedì, 02 Marzo 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Mafia e pubblica amministrazione, tre imprese sequestrate nel Palermitano
“DOMINO”

Mafia e pubblica amministrazione, tre imprese sequestrate nel Palermitano

Due fermi nei confronti di persone ritenute al vertice della famiglia di Bolognetta. Sarebbe invischiato anche il Comune

Mafia, estorsioni e infiltrazioni nella pubblica amministrazione. Due fermi e tre imprese sequestrate su ordine della Direzione distrettuale antimafia di Palermo che ha emesso un fermo d’indiziato di delitto nei confronti di due persone, ritenute al vertice della famiglia mafiosa di Bolognetta, appartenente al mandamento di Misilmeri: Carlo Salvatore Sclafani, 47 anni, e Mario Pecoraro, 46 anni, nell’ambito dell’operazione “Domino” che ha accertato il condizionamento dell’amministrazione comunale di Bolognetta.

L'inchiesta

Le indagini dei carabinieri di Misilmeri, condotte da un pool di magistrati che hanno lavorato sotto la direzione del procuratore aggiunto Salvatore De Luca, hanno consentito di focalizzare l’attenzione sui due imprenditori, i quali, secondo l’accusa, nel periodo di reggenza di Stefano Polizzi e all’indomani del suo arresto (avvenuto il 4 dicembre 2018 nell’operazione“Cupola 2.0”), si sono messi a completa disposizione del capofamiglia e del clan, assumendo un ruolo mafioso centrale nella cittadina di Bolognetta.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook