Sabato, 25 Giugno 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Nuovo impianto all’ex Pirelli di Villafranca. La Regione stoppa il progetto
AMBIENTE

Nuovo impianto all’ex Pirelli di Villafranca. La Regione stoppa il progetto

di
Bocciato il piano presentato dalla Gestam: «Non era proponibile»
rifiuti inquinanti, stabilimento gestam, villafranca tirrena, Aurelio Angelini, Ivo Blandina, Sicilia, Cronaca
Lo stabilimento della Gestam prevedeva di realizzare un impianto di depurazione di materiali inquinanti a Villafranca Tirrena

Arriva il “no” della Commissione tecnica specialistica dell’assessorato regionale al Territorio e ambiente al progetto presentato dalla Gestam, azienda che opera nel campo della gestione dei rifiuti e delle bonifiche ambientali, per la realizzazione di un impianto di depurazione di materiali inquinanti nell’area industriale ex-Pirelli di Villafranca Tirrenica . Un progetto da 14 milioni di euro. Ma Sicindustria non ci sta: «Si tratta – ha spiegato il presidente dell’associazione degli industriali di Messina, Ivo Blandina – di rifiuti speciali che potrebbero essere stoccati, disinquinati e restituiti all’ambiente completamente puliti e senza più rischio per la salute dell’uomo. La nuova infrastruttura – prosegue – utilizzerebbe le migliori tecniche disponibili, funzionali alla depurazione di materiali dalle matrici inquinanti pericolosi per l’ambiente e per la salute dell’uomo se gettati in mare o occultati nei terreni, innocui se trasportati in sicurezza e trattati adeguatamente in stabilimenti attrezzati. La Commissione tecnica specialistica – conclude Blandina – decide, però, di non rilasciare la Valutazione di Impatto Ambientale adducendo come motivazione la mancanza di distanza dal centro abitato». Immediata la replica di Aurelio Angelini, presidente della Commissione tecnica specialistica dell’assessorato regionale al Territorio e ambiente. «Purtroppo – ha puntualizzato Angelini – a malincuore a volte siamo costretti a dire di no, ma per quanto riguarda la proposta dell’impianto della Gestam non avremmo potuto fare diversamente perché l'impianto non era proponibile per diverse violazioni che la messa in opera avrebbe determinato».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook