Lunedì, 19 Aprile 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca "Le isole minori siciliane diventino Covid free per rilanciare il turismo". Vaccinazione di massa?
CORONAVIRUS

"Le isole minori siciliane diventino Covid free per rilanciare il turismo". Vaccinazione di massa?

«Fare delle Isole minori siciliane mete Covid free da cui far ripartire nell’immediato il turismo siciliano». Confesercenti Sicilia prende posizione a favore della vaccinazione di massa nelle Isole minori «per consentire arrivi in sicurezza e far crescere l’appeal della regione sui mercati internazionali». Una posizione contenuta in un documento programmatico consegnato all’assessore regionale agli Autonomie Locali Marco Zambuto da una delegazione dell’associazione formata dal presidente regionale Vittorio Messina, dal coordinatore regionale di Assoturismo Salvo Basile e dai rappresentati di Confesercenti delle Isole minori: Dominga Monte di Lipari per le isole Eolie; Giuseppe Mineo di Favignana per le Egadi; e Tonino Martello da Lampedusa per le Pelagie.

«La Sicilia e ancora di più le sue Isole minori - dice Salvo Basile - scontano non solo gli effetti della pandemia ma gli svantaggi determinati dalla condizione di insularità che sono stati formalmente riconosciuti dall’Europa ma che non trovano ancora adeguate misure di compensazione». Le priorità non mancano: dalla tutela dei borghi marinari dall’erosione costiera alla messa in sicurezza delle strade comunali e provinciali, all’adeguamento dei servizi essenziali come trasporti, scuola e sanità. Intanto, per la prossima Pasqua le previsioni sono tutt'altro che positive. In molti, tra hotel e ristoranti, hanno già deciso di restare chiusi. «Pensiamo che per ripartire occorra programmare e guardare in modo mirato al territorio. Per questo chiediamo - dicono i rappresentanti di Confesercenti Isole Minori - adeguati e celeri aiuti economici e opportuni sgravi fiscali, ma anche una programmazione che, in linea con le opportunità derivanti dalla Next Generation EU e del Piano nazionale ripartenza e resilienza (PNRR), consenta alle imprese e alle professioni del settore turistico di arrivare preparate per la ripartenza».

Il "modello" delle isole greche

Le isole greche la prossima estate potrebbero essere tra i pochi territori europei Covid free, con un vantaggio non indifferente su altri territori a vocazione turistica dell’Ue, a cominciare dalle isole minori italiane. Un modello, questo, che potrebbe consentire di recuperare almeno parte delle perdite del comparto turistico. Ma anche un’arma a doppio taglio per chi non riuscirà a sperimentare iniziative capaci di offrire garanzie simili ai potenziali visitatori, oltre che, ovviamente, agli isolani. "L'idea è balenata anche a noi, siamo pronti a partire subito", dice all’Italpress il sindaco di Capri, Marino Lembo. "Dare precedenza a realtà come la nostra non è discriminazione ma serve per far ripartire il turismo che è l’ossatura della nostra economia", aggiunge il primo cittadino.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook