Lunedì, 20 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Morta Gigia Cannizzo, fu tra i primi sindaci antimafia in Sicilia
PARTINICO

Morta Gigia Cannizzo, fu tra i primi sindaci antimafia in Sicilia

antimafia, Sicilia, Cronaca

Si è spenta a Roma all'età di 91 anni l'ex sindaco di Partinico Gigia Cannizzo. Ex provveditore agli studi di Trapani,  fu tra i primi sindaci antimafia in Sicilia dopo le stragi di Capaci e via D'Amelio.

Molto vicina a Leoluca Orlando, amministrò Partinico per quasi due legislature. Fu eletta per la prima volta nel 1993 con il movimento politico "La Rete", fondato proprio da Orlando, trovando poi la riconferma per un secondo mandato. Icona antimafia, viene ancora oggi ricordata per essere stata una sindaca intransigente. Il suo rigore morale e le sue capacità amministrative agitarono le cosche locali. Rimase sotto il bersaglio delle minacce per tutto il periodo in cui rivestì la carica di sindaco. Dopo aver rifondato la macchina burocratica degli appalti pubblici fu costretta a vivere sotto scorta a causa delle numerose intimidazioni mafiose.

Nel 1998 fu trasferita per alcuni giorni in una località protetta dopo aver ricevuto a casa una lettera di minacce di morte con dei proiettili. Durante la carica di primo cittadino le venne assegnato il titolo di commendatore dell'ordine al merito della Repubblica italiana per le sue molteplici attività professionali, culturali, sociali, politiche ed amministrative.

Plurilaureata, ricevette anche numerosi incarichi dal ministero dell'Istruzione. La sua ultima uscita pubblica risale allo scorso settembre. Le sue condizioni di salute, data l'età avanzata, negli ultimi tempi erano peggiorate. A causa di una crisi respiratoria da tre giorni era ricoverata al Policlinico "Gemelli" di Roma, città in cui viveva da anni e dove si è spenta questa mattina.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook