Giovedì, 02 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Covid, dati falsi in Sicilia: uno degli arrestati è figlio di una vittima di mafia
UCCISO NEL 1990

Covid, dati falsi in Sicilia: uno degli arrestati è figlio di una vittima di mafia

Salvatore Cusimano, 35 anni, il funzionario della Regione siciliana arrestato oggi nell’ambito dell’inchiesta sui presunti dati falsati del covid in Sicilia, è figlio di Antonino Cusimano, un consulente tributario e assicuratore di 39 anni, ucciso dalla mafia nell’ottobre 1990 a Castelbuono (Pa). Per quel delitto sono stati condannati a 30 anni di carcere i boss mafiosi Santi Pullarà e Domenico Farinella.

Cusimano, che è nipote della dirigente generale del Dasoe Maria Letizia Di Liberti, anche lei posta ai domiciliari oggi nell’ambito dell’inchiesta, venne assunto dalla Regione, come custode ai Beni culturali, in base alla norma sui familiari di vittime di mafia. Anche la sorella Anna Lisa, che è assessore comunale a Castelbuono, venne assunta alla Regione.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook