Domenica, 20 Giugno 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Mafia, monopolio trasporti e imballaggi: colpo al clan Trigila di Siracusa. 13 arresti
"ROBIN HOOD" E "NEATON"

Mafia, monopolio trasporti e imballaggi: colpo al clan Trigila di Siracusa. 13 arresti

Secondo i magistrati il clan, avvalendosi della forza di intimidazione derivante dal vincolo associativo, ha «assicurato una posizione dominante nei comparti del trasporto su gomma di prodotti orto-frutticoli, della produzione di pedane e imballaggi e della produzione e commercio di prodotti caseari, influendo e alterando le regole della concorrenza»
Sicilia, Cronaca
Auto Polizia di Stato

La Polizia di Stato, con il Comando provinciale dei Carabinieri e il nucleo di Polizia economico-finanziaria della Guardia di finanza, sta eseguendo, su delega della Procura distrettuale Antimafia di Catania, un’ordinanza cautelare in carcere emessa dal gip di Catania nei confronti di 13 persone accusate di associazione mafiosa.

Apparterebbero al clan Trigila, che opera nei territori della zona sud-orientale della provincia di Siracusa. Secondo i magistrati il clan, avvalendosi della forza di intimidazione derivante dal vincolo associativo, ha «assicurato una posizione dominante nei comparti del trasporto su gomma di prodotti orto-frutticoli, della produzione di pedane e imballaggi e della produzione e commercio di prodotti caseari, influendo e alterando le regole della concorrenza».

Nell’operazione odierna, che nasce dalle indagini 'Robin Hood’ della squadra mobile e 'Neaton' dei Carabinieri sul clan Trigila, sono impegnati poliziotti della Questura di Siracusa, del reparto prevenzione crimine e dei cinofili della Polizia di Stato e militari dell’Arma dei carabinieri. I militari della Guardia di finanza stanno invece eseguendo un decreto di sequestro preventivo nei confronti di uno degli indagati.

Coldiretti: il business delle agromafie vale 24,5 mld

Sulle attività imprenditoriali agricole della Sicilia «gravano le pessime infrastrutture che aumentano i costi dei trasporti e proprio la mancanza di alternative, facilità l’azione della criminalità». E’ il commento di Coldiretti Sicilia all’operazione che stamani hanno arrestato diverse persone appartenenti al clan Trigila, attivo nei territori della zona sud-orientale della provincia aretusea (Noto, Avola, Pachino e Rosolini). Il volume d’affari nazionale complessivo annuale delle agromafie è salito a 24,5 miliardi di euro con un balzo del 12,4% nell’ultimo anno. «Come ha fatto di recente l’imprenditore Giuseppe Condorelli la denuncia rimane l’unico mezzo di difesa», aggiunge Coldiretti.

Il clan, avvalendosi della forza di intimidazione si era assicurata una posizione dominante nei comparti del trasporto su gomma di prodotti ortofrutticoli, della produzione di pedane e imballaggi e della produzione e commercio di prodotti caseari, influendo e alterando le regole della concorrenza. «Agrumi, trattori, olio, motori... ogni giorno nelle campagne siciliane viene rubato di tutto e solo maggiori controlli riducono il danno che gli agricoltori sono costretti a subire. A questo - conclude Coldiretti - si somma un sistema che impone pizzo, guardiania e vessazioni varie».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook